Covid, la mappa del 3 giugno 2021
Covid, la mappa del 3 giugno 2021

Roma, 3 giugno 2021 - Nuovo bollettino sull'andamento del Covid in Italia, con i dati del ministero della Salute. Scendono sotto quota 2000 i nuovi casi, e diminuiscono leggermente anche i decessi, ma come dopo ogni giorno festivo cala nettamente anche il numero di tamponi effettuati. Continua il trend di alleggerimento degli ospedali, sia nei reparti ordinari sia nelle terapie intensive. Intanto oggi è il giorno del via libera alle prenotazione dei vaccini per tutte le fasce d'età (qui come fare regione per regione). Al centro del dibattito il tema dei vaccini in vacanza, la commissione Salute delle Regioni chiede che "sia un'eccezione" e il generale Figliuolo invita i governatori alla "massima flessibilità per le prenotazioni, soprattutto per le classi più giovani". Oggi c'è stato anche il tavolo tecnico sul limite dei 4 posti a tavola nei ristoranti, anche in zona bianca, e il governo ha accolto le proposte delle Regioni: 6 persone per tavolo al chiuso nessun limite all'aperto.

Vaccino ai giovani: boom di adesioni in tutt'Italia

La mappa dell'Ecdc: Molise prima regione in zona verde 

Vacanze: green pass e tamponi, ecco cosa serve

La situazione pandemica è in miglioramento. Il report settimanale della Fondazione Gimbe mostra una discesa di tutte le curve, contagi, morti, e pressione ospedaliera con il calo dei nuovi casi settimanali che si conferma in tutte le Regioni - sottolinea Gimbe - ad eccezione di un aumento percentuale in Molise, irrilevante in valore assoluto. Ma ci sono anche delle criticità: nelle ultime tre settimane il numero dei tamponi effettuati è crollato del 34%. "Purtroppo - fa notare Cartabellotta - i criteri per conquistare e mantenere la zona bianca, introdotti con il Dl 18 maggio 2021 n. 65, disincentivano le Regioni a potenziare le attività di testing e a riprendere il tracciamento, proprio nel momento in cui i numeri del contagio permetterebbero di utilizzare un'arma mai adeguatamente utilizzata". 

Veneto, Umbria, Liguria e Abruzzo in zona bianca

Sale il numero dei casi in Gb. Metà degli adulti vaccinati

Sul fronte delle inoculazioni "nonostante l'incremento di consegne nell'ultima settimana - spiega il presidente di Gimbe - per rispettare le forniture previste dal Piano vaccinale entro fine giugno mancano ancora 36,3 milioni di dosi. Un numero di consegne non realistico, come ribadiamo da settimane". Intanto, come segnala Renata Gili, responsabile Ricerca sui servizi sanitari della Fondazione Gimbe,  sono ancora oltre 3,3 milioni gli over 60 ad elevato rischio di ospedalizzazione e decesso che non hanno ricevuto nemmeno la prima dose di vaccino". Al 2 giugno il 40,3% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino (oltre 23,8 milioni di persone) e il 20,7% ha completato il ciclo vaccinale (più di 12,2 mln), ma "considerato che le Regioni stanno utilizzando la quasi totalità delle dosi a disposizione, il mancato decollo delle consegne condiziona il numero di somministrazioni, ormai stabili da un paio di settimane con la media mobile a 7 giorni che ha raggiunto 500 mila inoculazioni giornaliere".

Sommario 

Il monitoraggio Gimbe

Dal 26 maggio all'1 giugno, rispetto alla settimana precedente, Gimbe registra un'ulteriore diminuzione di nuovi casi di Covid (22.412 vs 30.867) e di decessi (720 vs 1.004). In netto calo anche i casi attualmente positivi (225.751 vs 268.145), le persone in isolamento domiciliare (218.570 vs 258.265), i ricoveri con sintomi (6.192 vs 8.557) e le terapie intensive (989 vs 1.323).  Si conferma il trend in discesa, ormai da 11 settimane consecutive, dei contagi, riconducibile, come spiega Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, "sia alla ridotta circolazione del virus, come dimostra la riduzione del rapporto positivi/casi testati, sia alla diminuzione dell'attività di testing". Nel dettaglio, il numero di persone testate settimanalmente, stabile sino alla prima decade di maggio, si è ridotto nelle ultime tre settimane da 662.549 a 439.467 (-33,7%). "Da metà aprile sono in costante calo i decessi, che nell'ultima settimana si attestano in media poco sopra i 100 al giorno", evidenzia Cartabellotta. Le coperture vaccinali di anziani e fragili portano anche al progressivo svuotamento degli ospedali, come spiega Renata Gili, responsabile Ricerca sui servizi sanitari della Fondazione Gimbe. In particolare "l'occupazione dei posti letto Covid a livello nazionale si attesta al 10% in area medica e all'11% in terapia intensiva, con tutte le Regioni sotto le soglie di allerta". "Gli ingressi in terapia intensiva - rimarca Marco Mosti, direttore operativo della Fondazione Gimbe - scendono da 9 settimane con una media mobile a 7 giorni che si attesta a 36 ingressi/die". Dal picco del 6 aprile - riporta Gimbe - i posti letto occupati in area medica sono scesi da 29.337 a 6.192 (-78,9%) e quelli in terapia intensiva da 3.743 a 989 (-73,6%). Scende invece meno rapidamente la curva delle persone in isolamento domiciliare: dal picco del 28 marzo si sono ridotte da 540.855 a 218.570 (-59,6%).

image

Il bollettino Covid di oggi

Sempre in calo la curva epidemica in Italia: sono 1.968 i nuovi casi nelle ultime 24 ore, contro i 2.897 di ieri e soprattutto i 4.147 di giovedì scorso. Casi dimezzati dunque, ma pesa il giorno festivo di ieri e i conseguenti pochi tamponi: 97.633, ben 130mila meno di quelli comunicati ieri, tanto che il tasso di positività è in aumento al 2% (ieri era all'1,3%). I decessi sono 59 (ieri 62), per un totale di 126.342 vittime dall'inizio dell'epidemia. Prosegue la discesa dei ricoveri, con le terapie intensive che calano di 41 unità (ieri -56), con 38 ingressi giornalieri, e scendono a 892, mentre i ricoveri ordinari sono 5.717 in tutto (-141). La regione con più casi odierni è la Lombardia (+277, ma per la prima volta nessun nuovo ingresso in terapia intensiva segnalato), seguita da Sicilia (+254), Emilia Romagna (+232), Piemonte (+219), Campania (+218) e Lazio (+196). I contagi totali salgono a 4.225.163. I guariti sono 6.392 (ieri 18.535), per un totale di 3.893.259. Ancora in calo il numero delle persone attualmente positive, 4.488 in meno (ieri -15.701): i malati ancora attivi sono ora 205.562. Di questi, 198.953 pazienti sono in isolamento domiciliare.

Dati dalle regioni / Lombardia

Sono 277 i nuovi positivi al Covid in Lombardia, dove sono stati fatti 14.750 tamponi: è dell'1,8% il rapporto tra test e contagi. Scendono sotto i 200 i ricoverati in terapia intensiva, che sono 193, e sotto i 1000 quelli in altri reparti, per un totale di 942. Due dati "dal valore simbolico rilevante" per il presidente della regione Attilio Fontana. Sono invece 7 i decessi, per un totale complessivo di 33.637 da inizio pandemia. Per quanto riguarda le province, i nuovi casi a Milano sono 53, di cui 24 in città, mentre sono 46 a Bergamo, 62 a Brescia, 14 a Como, 5 a Cremona, 13 a Lecco, 7 a Lodi, 19 a Mantova, 6 a Monza e in Brianza, 13 a Pavia, 19 a Sondrio e 13 a Varese.

Sicilia

Sono 254 i nuovi contagi da Coronavirus scoperti in Sicilia nelle ultime 24 ore grazie a 11.716 tamponi antigenici e molecolari. I decessi invece sono stati tre e i guariti 186. Gli attuali positivi sull'Isola sono 8.763, 65 in più rispetto a ieri. Di questi 413 pazienti sono ricoverati in regime ordinario e 46 si trovano in terapia intensiva e sub-intensiva.

Emilia-Romagna

in Emilia-Romagna si sono registrati 232 casi di positività su un totale di 7.156 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi è del 3,2%, ma non è indicativa della tendenza reale perchè rapportata al minor numero di tamponi effettuati nei giorni festivi. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 39 nuovi casi, seguita da Parma e Ravenna con 27 casi. Si registrano inoltre 3 decessi. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 13.188 (-650 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa sono 12.627 (il 95,7%).  Calano anche i ricoveri: i pazienti in terapia intensiva sono 88, uno in meno di ieri e quelli negli altri reparti Covid sono 473 (-15).

Piemonte

Sono 219 in Piemonte i nuovi contagi, pari al 2% dei 10.814 tamponi eseguiti. Gli asintomatici sono 97 (44,3%). Si registrano anche tre decessi, di cui uno nella giornata di oggi, e 393 guariti. Prosegue il calo dei ricoveri: sono 75 (-4) in terapia intensiva, 513 (-29) negli altri reparti, mentre i piemontesi in isolamento sono 3.798. Gli attualmente positivi sono 4.386.

Campania

Sono 218, di cui 127 asintomatici, i nuovi contagi da Coronavirus in Campania, dove sono stati effettuati 10.442 tamponi molecolari e 1.355 antigenici. Otto le vittime, per un totale da inizio pandemia pari a 7.229 e 789 i guariti (in tutto 348.023). I posti letto di terapia intensiva occupati sono 54 sui 656 disponibili, mentre quelli di degenza sono 594 su 3.160.

Lazio

"Oggi nel Lazio, su oltre 7mila tamponi (-2.975) e oltre 3mila antigenici per un totale di oltre 10mila test, si registrano 196 nuovi casi positivi (-15), i decessi sono 6 (+2), i ricoverati sono 843 (+5). I guariti 1.086, le terapie intensive sono 134 (-9). Il rapporto tra positivi e tamponi è al 2,7%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende all'1,8%. I casi a Roma città sono a quota 123". Lo riferisce l'assessore della Sanità, Alessio D'Amato.

Toscana

In Toscana sono 186 i casi in più rispetto a ieri. Eseguiti 7.070 tamponi molecolari e 1.803 tamponi antigenici rapidi, con un tasso di positività pari al 2,1%. Oggi si registrano altri 7 decessi che portano il totale a 6.736 da inizio pandemia. Negli ospedali i ricoverati sono 469, 8 in meno rispetto a ieri, e 99 in terapia intensiva (meno 4). Gli attualmente positivi sono 6.794; di questi 6.325 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi.

Calabria

In Calabria scendono i positivi riscontrati nelle ultime 24 ore: sono 104 i nuovi casi rispetto ai 154 di ieri, ma va tenuto conto della netta diminuzione di tamponi (+1.333) effettuati ieri. Due i decessi che fanno salire il numero delle vittime dall'inizio della pandemia a 175. Aumentano di due unità a testa i ricoveri nei reparti di cura (224) e nelle terapie intensive (16). In calo gli isolati a domicilio (8.852, -119), mentre cresce la schiera dei guariti +217 (57.001). I casi attualmente attivi sono 9.092.

Veneto

Nelle ultime 24 ore sono 63 i nuovi contagiati in regione (423.671 da inizio pandemia) su 9.932 tamponi che fanno salire il numero degli attualmente positivi a 7.700 con incidenza di 0,63%. I ricoveri Covid calano a 611 (-3), di cui 72 (+1) in terapia intensiva e 539 (-4) in area non critica, mentre le terapie intensive non Covid sono 351. Si registrano 2 nuovi decessi mentre il numero dei dimessi totali è di 21.791". Così il presidente della regione Veneto, Luca Zaia, durante la conferenza di aggiornamento circa l'andamento del virus in regione. "Abbiamo dati da zona bianca -aggiunge- ma bisogna tenere le precauzioni. Con un Rt a 0,64 e i posti letto Covid occupati al 5% con incidenza di 19,4 per 100mila abitanti la zona bianca è sicura da lunedì".

Puglia

Cala in modo consistente, come spesso succede dopo i giorni festivi, e si attesta sotto quota 50 il numero dei nuovi casi positivi al Covid in Puglia. Oggi su 2.931 test analizzati, sono stati individuati 44 casi al Coronavirus, per un'incidenza dell'1,5%, dimezzata rispetto a quella degli ultimi giorni. Dei nuovi contagi 8 sono stati individuati in provincia di Bari, 21 a Brindisi, 3 a BAT, 2 a Foggia, 13 a Lecce. Oggi, inoltre, sono stati registrati 9 decessi. Crescono in modo cospicuo i nuovi guariti e pertanto scendono gli attualmente positivi. La decrescita dei ricoverati invece prosegue, ma più lentamente (sono 523, -17 rispetto a ieri). 

Marche

Sono 35 i nuovi contagi rilevati nelle Marche nelle ultime 24 ore, quasi la metà dei quali in provincia di Ancona. I casi sono stati rilevati dall'analisi di 1.013 tamponi: 420 nel percorso nuove diagnosi (405 tamponi molecolari e 15 nello screening con percorso antigenico) e 593 nel percorso guariti. Il tasso di positività nel percorso nuove diagnosi è quindi dell'8,3%. È stabile il numero dei pazienti assistiti negli ospedali: sono 121 nei reparti ordinari, 1 in meno nelle ultime 24 ore, mentre nelle terapie intensive sono ricoverati 22 pazienti (+1). 

Sardegna

Sono 33 i nuovi casi di positività al Coronavirus accertati in Sardegna, 3 i decessi, poco più di 1.200 i test in più eseguiti. Sono 127 (-3) le persone attualmente ricoverate in ospedale,  14 in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 12.413 e i guariti in più 100.

Liguria

Sono 30 i nuovi positivi al Coronavirus in Liguria su un totale di 2.114 tamponi molecolari e 1.949 tamponi antigenici rapidi processati. Cala il numero degli ospedalizzati, in totale 129 (7 meno di ieri) con 28 pazienti in terapia intensiva. I vaccini somministrati sono il 92%, cioè 991.481 dosi su 1.076.750 consegnate. Nelle ultime ventiquattro ore sono stati registrati 2 decessi: il bilancio delle vittime sale a 4.327 da inizio emergenza. Cala il numero dei casi attualmente positivi, 2.162 in Liguria (34 in meno), con 62 nuovi guariti. In isolamento domiciliare 797 persone, 60 in meno.

Abruzzo

In Abruzzo rispetto a ieri si registrano 10 positivi rilevati dall'analisi di 1.293 tamponi molecolari e 263 test antigenici, con un tasso di positività pari allo 0,6%. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 2 nuovi casi e sale a 2486 vittime dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Gli attualmente positivi sono 5278 (-53 rispetto a ieri): di questi 119 pazienti (-1 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale nei reparti non critici, 12 (invariato rispetto a ieri con 0 nuovi ingressi) in terapia intensiva, mentre gli altri 5147 (-52 rispetto a ieri) si trovano in isolamento domiciliare. 

Le altre regioni 

Nessun decesso e 26 contagi in Alto-Adige. Solo tre dei 164 tamponi analizzati nelle ultime 24 ore in Basilicata sono risultati positivi. In Trentino 19 nuovi contagi e nessun decesso. Due vittime e 6 nuovi casi in Friuli-Venezia Giulia. Sei contagi anche in Umbria, dove non si registra nessun morto. In Molise 3 positivi. Due nuovi positivi e nessun morto in Valle d'Aosta.