Alessandro Florenzi (Ansa)
Alessandro Florenzi (Ansa)

Napoli, 2 giugno 2021 - In attesa di un mercato in uscita che potrebbe muovere diversi giocatori, a Napoli ci sono già da tappare alcune falle in difesa lasciate aperte dagli imminenti svincoli di Nikola Maksimovic ed Elseid Hysaj. Non solo, perché l'arrivo di Luciano Spalletti continua a riportare in auge i nomi dei suoi fedelissimi: come quello di Alessandro Florenzi, finito fortemente dei radar del club partenopeo.

Ostacolo Mourinho

Quelle sotto la guida del tecnico di Certaldo per il terzino del Paris Saint-Germain sono state le ultime stagioni serene nella 'sua' Roma, con tanto di investitura a capitano della squadra in alcune partite. Il resto è storia nota: va via Spalletti e per il classe '91 comincia una lenta ma inesorabile discesa nelle gerarchie giallorosse che sarebbe poi culminata con le partenze in prestito prima direzione Valencia e poi Parigi. Proprio nella capitale francese Florenzi ha pian piano ritrovato se stesso e quelle caratteristiche che ne hanno fatto un giocatore dalle qualità uniche sia in fase difensiva sia offensiva: un autentico stantuffo che a Napoli, in attesa di sistemare la corsia mancina, oggi spoglia come non mai, potrebbe formare un'ottima staffetta a destra con Giovanni Di Lorenzo. Il condizionale è d'obbligo perché tra Florenzi e l'azzurro (non quello della Nazionale) ci sono tanti ostacoli. Il primo è il PSG, che in realtà per quella fascia ha ben altre priorità: lo sanno bene l'Inter e in particolare Achraf Hakimi. Molto probabile che quindi per il classe '91 si riaprano le porte della Roma, dove ad accoglierlo stavolta ci sarà un allenatore del calibro di José Mourinho: una tentazione bella forte per Florenzi per rilanciarsi nella sua squadra del cuore.

Le cifre dell'affare

Se queste sono le cattive notizie per il Napoli e per Spalletti, la buona è che lo stesso club capitolino, a meno di precisi ordini inderogabili del neo allenatore portoghese, non si strapperebbe le vesti per trattenere Florenzi, il cui prezzo, nonostante l'ottima stagione vissuta al PSG, è piuttosto abbordabile: per 9 milioni il trasferimenti potrebbe chiudersi senza troppe complicazioni. Il Napoli, oltre a un fedelissimo di Spalletti, si ritroverebbe in rosa un giocatore esperto ma fisicamente integro e capace di coprire un'intera corsia con il medesimo profitto, oltre ad avere un'ottima capacità di inserimento. Se a tutto ciò si somma poi l'apprendistato parigino con gente del calibro di Neymar e Kylian Mbappé allora l'affare per gli azzurri sarebbe ancora più succulento.

Leggi anche - Napoli, Spalletti ha deciso: sarà Meret il portiere titolare