Basket, Reggio Emilia-Pesaro (foto Ciamillo)
Basket, Reggio Emilia-Pesaro (foto Ciamillo)

Bologna, 29 marzo 2021 – La ventiquattresima giornata del campionato di Serie A di basket si chiude con il ritorno al successo dell’Unahotels Reggio Emilia che ha piegato 91-79 la Carpegna Prosciutto Pesaro. Gli emiliani, reduci dall'eliminazione in FIBA Europa Cup, con questa vittoria spezzano una striscia negativa che in campionato durava da sei giornate, mentre i marchigiani – al quarto ko di fila – confermano la lieve flessione cominciata dopo le Final Eight di Coppa Italia e ora rischiano di subire la rimonta playoff. A guidare quest’oggi al successo Reggio – in testa per tutto l’arco del match e capace di toccare il massimo vantaggio sul +23 – ci hanno pensato sei uomini finiti in doppia cifra e capitanati da Brandon Taylor con 21 punti, 8 falli subiti e 8/9 in lunetta. Troppo tardiva dall’altra parte la reazione della Carpegna Prosciutto, alla quale non sono bastate le buone prestazioni di Tyler Cain (13 punti e 7 falli subiti) e Carlos Delfino (14 punti).

La cronaca

Reggio non ha perso tempo e aggrappandosi – vista anche l’assenza di Elegar – a Sims si è portata a +11 in poco meno di 5’ (14-3). Dall’altra parte Pesaro ha provato a rispondere con la stessa moneta affidandosi a Cain ma al suono della prima sirena i punti di ritardo erano ancora 9 (25-16). La forbice del vantaggio reggiano ha poi ricominciato a divaricarsi con i canestri di Taylor che ha spinto i suoi, dominanti sotto i tabelloni, fino al +17 messo a segno da Koponen da oltre l’arco (39-22) e alleggerito dalle prodezze di Filipovity, Cain e Delfino in chiusura di tempo (47-35). Il copione si è ripetuto nella ripresa, quando Reggio ha ricominciato a correre volando a +23 (62-39) e Pesaro non si è data per vinta rientrando fino al -11 grazie a un tiro da tre ritrovato. Le schiacciate ravvicinate di Kyzlink e Candi hanno però stoppato le ambizioni marchigiane e fatto partire anzitempo i titoli di coda del match.

Leggi anche - NBA, i Los Angeles Lakers ingaggiano Andre Drummond