Venerdì 21 Giugno 2024
MATTEO AIROLDI
Basket

NBA, playoff: I Sixers sbancano Boston con un Harden stratosferico

I Nuggets si portano sul 2-0 nella serie con i Suns

James Harden (ANSA)

James Harden (ANSA)

Boston (Stati Uniti), 2 maggio 2023 – E’ cominciata con il botto la semifinale di Eastern Conference NBA tra i Boston Celtics e i Philadelphia 76ers: i Sixers hanno infatti sbancato il TD Garden imponendosi per 119-115 al termine di una gara combattutissima e hanno subito strappato il vantaggio del fattore campo ai biancoverdi. Sul successo della franchigia della Pennsylvania c’è il timbro inconfondibile di James Harden. Il “Barba” si è caricato l’attacco dei Sixers sulle spalle e ha sfoderato una prestazione da manuale, chiudendo la gara con uno score personale di 45 punti (17/30 al tiro e 7/14 nel tiro da tre) ed eguagliando il record personale ai playoff, fatto registrare quando vestiva la casacca degli Houston Rockets nel 2015. A dargli man forte, vista la perdurante assenza sotto le plance di Joel Embiid – ancora alle prese con i postumi di una distorsione al ginocchio rimediata in gara 3 della serie contro i Brooklyn Nets –, ci hanno pensato Tyrese Maxey con 26 punti, Paul Reed (10 punti e 13 rimbalzi), Tobias Harris (18 punti) e De’Anthony Melton (17 punti). Ai Celtics resta invece il grande rammarico di non aver dato seguito al buon inizio di gara e di aver incassato ben 32 punti nel quarto conclusivo. Sul fronte offensivo, ai biancoverdi non sono stati sufficienti i 39 punti e 11 rimbalzi di Jayson Tatum, i 23 punti di un Jaylen Brown chirurgico al tiro e i 20 in uscita dalla panchina di Malcolm Brogdon. Nel primo quarto Boston ha provato a partire forte toccando anche il +8 ma i 76ers sono riusciti a restare di fatto sempre aggrappati al match e nel quarto quarto hanno alzato il volume dell’attacco piazzando il colpo di reni vincente con i canestri di Reed e Harden.

Denver non fa sconti a Phoenix

Ad Ovest, sembra invece almeno per ora indirizzarsi verso il Colorado l’inerzia della serie tra i Denver Nuggets e i Phoenix Suns. Questa notte, infatti, i Nuggets hanno sconfitto i Suns 97-87 mettendo così a segno il punto del 2-0 in questa semifinale. Protagonista assoluto nelle file di Denver, manco a dirlo, è stato nuovamente il due volte MVP della regular season Nikola Jokic, il quale ha dominato in lungo e in largo sotto i tabelloni portando a casa un bottino finale di 39 punti (17/30 al tiro), 16 rimbalzi e 5 assist. Assieme a lui in doppia cifra nelle file dei Nuggets ci sono andati Aaron Gordon (16 punti), Kentavious Caldwell-Pope (14 punti) e Jamal Murray (10 punti nonostante un insufficiente 3/15 al tiro). Serata da dimenticare, invece, per i Phoenix Suns che hanno chiuso con un 40% dal campo e un disastroso 19.4% nel tiro da tre. Alla franchigia dell’Arizona non sono bastati i 35 del “solito” Devin Booker e i 24 di un Kevin Durant altalenante al tiro (10/27 dal campo per lui). Il match è di fatto rimasto incanalato tra i binari dell’equilibrio per i primi tre quarti (73-70 in favore di Phoenix a 12’ dalla fine), poi è arrivato lo scatto d’orgoglio dei Nuggets che, con i canestri di Caldwell-Pope, Murray e Jokic, hanno messo la freccia del sorpasso e non si sono più voltati indietro.