Viggo Mortensen, Léa Seydoux e Kristen Stewart
Viggo Mortensen, Léa Seydoux e Kristen Stewart

Si continua a parlare del nuovo film di David Cronenberg, 'Crimes of the Future': solo poche ore fa era girata la notizia che il progetto era realtà e che le riprese sarebbero iniziate ad agosto, in Grecia. Ora si scopre che il cast è composto da nomi di tutto rispetto: i protagonisti sono infatti Léa Seydoux ('La vita di Adele', 'Spectre'), Kristen Stewart ('Twilight', 'Personal Shopper') e Viggo Mortensen, che ha già lavorato insieme a Cronenberg ai tempi di 'A History of Violence' e 'La promessa dell'assassino'.

Il cast di 'Crimes of the Future'

Annunciato come un film di fantascienza che mescola il noir con il body horror, 'Crimes of the Future' viene descritto come un ritorno alle origini, per David Cronenberg, vale a dire un qualcosa che promette di allacciarsi strettamente a pellicole come 'Videodrome', 'Scanners' e 'La mosca'. È una sceneggiatura che il cineasta canadese ha iniziato a scrivere molto tempo fa e che ha trovato i giusti equilibri solamente negli ultimi mesi, propiziando l'inizio della pre-produzione e la pianificazione delle riprese dal 2 agosto al 10 settembre 2021 (significa che lo vedremo al cinema nel corso del 2022, forse addirittura prima).

L'annuncio della presenza nel cast di Viggo Mortensen, Léa Seydoux e Kristen Stewart è stato accompagnato dalla rivelazione di alcuni dettagli sulla trama: 'Crimes of the Future' è ambientato in un futuro non troppo distante e ruota attorno al concetto di transumanesimo, un termine con il quale si fa riferimento a un movimento culturale che sostiene l'uso delle scoperte scientifiche e tecnologiche per aumentare le capacità fisiche e cognitive degli esseri umani e anche per migliorare quegli aspetti della condizione umana che sono considerati indesiderabili, come la malattia e la morte.

Citando le fonti ufficiali a nostra disposizione, 'Crimes of the Future' racconta di un mondo nel quale gli esseri umani sono in grado di alterare "la loro condizione biologica. Mentre alcuni abbracciano il potenziale illimitato del transumanesimo, altri tentano di controllarlo. In ogni caso, la 'sindrome da evoluzione accelerata' si sta diffondendo rapidamente. Saul Tenser è un amato artista performativo che ha abbracciato la sindrome dell'evoluzione accelerata, facendo germogliare sul proprio corpo organi nuovi e inaspettati. Insieme alla sua partner Caprice, Tenser ha trasformato la rimozione di questi organi in uno spettacolo da ammirare in teatro e in tempo reale. Ma di fronte alle reazioni del governo e di una strana sottocultura, Tenser è costretto a considerare quale sarebbe la sua performance più scioccante di tutte".

Leggi anche:
- Gal Gadot protagonista del film romantico 'Meet Me In Another Life'
- Nomadland, il film dell'anno esce al cinema e in streaming
- Luca, il film d'animazione Pixar esce su Disney+ il 18 giugno