Gennaro Gattuso (Ansa)
Gennaro Gattuso (Ansa)

Napoli, 29 aprile 2021 - Bastano 13 punti per staccare il biglietto per la prossima Champions League: è questo il bottino che gli azzurri dovranno racimolare nelle restanti 5 partite di campionato, a prescindere dal risultato che uscirà dal confronto tra Juventus e Milan.

Il calendario

Questione di classifica avulsa e di scontri diretti, due fronti in cui i partenopei sono messi benissimo grazie in particolare a un girone di ritorno eccellente che adesso, apparentemente, entrerà nella parte più in discesa: un epilogo segnato da 5 sfide contro formazioni più deboli, sulla carta e guardando la graduatoria. Si tratta in sequenza di Cagliari, Spezia, Udinese, Fiorentina e Verona, ovvero quasi tutte squadre affamate di punti per mantenere la categoria. Il discorso riguarda maggiormente proprio le prossime due avversarie, con in particolare i sardi in una situazione a dir poco disperata nonostante le 3 vittorie di fila che hanno inguaiato Torino e soprattutto Benevento: queste compagini sono al momento appaiate a 31 punti ma se il campionato finisse ora a salutare la Serie A sarebbero i sanniti. Appena sopra il trio delle più pericolanti c'è lo Spezia, che il Napoli affronterà sabato 8 maggio e lo farà con nella mente ancora fresco e doloroso il ricordo della sfortunata gara di un girone fa, che rappresenta una sorta di campionario di tutti i difetti palesati dagli azzurri nella prima parte del torneo: sbavature difensive, sprechi in attacco e una pesante cappa di malasorte che, scongiuri di Gennaro Gattuso e compagnia alla mano, al momento sembra aver abbandonato Fuorigrotta e Castel Volturno.

La richiesta di Ringhio

Tecnicamente più forte dei liguri ma probabilmente meno affamata di punti sarà l'Udinese che, a prescindere, storicamente non è mai un avversario semplice per i partenopei: anche in questo caso il primo round funge da valido esempio. Probabile che per il penultimo turno anche la Fiorentina sarà più serena, così come lo sarà senza dubbi il Verona in chiusura. Insomma, per una questione di motivazioni l'impressione è che gli ostacoli più duri per il Napoli siano le prossime 2 partite, che potrebbero portare all'ombra del Vesuvio poco meno della metà del bottino complessivo di punti che servono per blindare la Champions. Dati, numeri e tabelle: tutti elementi di cui Gattuso, alla vigilia dell'inizio dell'ultima volata di campionato, non vuole sentir parlare, chiedendo alla sua squadra soltanto di profondere il proprio impegno in egual misura e a prescindere dal nome dell'avversaria.

Leggi anche - Coppa Italia, torna il pubblico nella finale tra Atalanta e Juventus