L'esultanza dello Spezia (Ansa)
L'esultanza dello Spezia (Ansa)

Napoli, 6 gennaio 2021 - C'è tanto carbone nella calza del Napoli, che cade clamorosamente contro uno Spezia ridotto in dieci per il rosso comminato a Ismajli. Il fulcro della partita si era snodato poco prima di questo episodio, con gli azzurri prima in vantaggio con Petagna e poi raggiunti dal rigore trasformato da Nzola. A questo punto tutto lasciava presagire l'assalto finale della banda Gattuso, che invece cade per mano del tap-in di Pobega, che evidenzia in tutta la loro gravità le falle dei partenopei: difensive, per le sbavature dietro e offensive per i tanti sprechi che non fanno che rendere ancora più amara l'Epifania all'ombra del Vesuvio.

Napoli-Spezia 1-2, rivivi la diretta

Serie A, risultati e classifica

Il primo tempo

Il Napoli non vuole farsi sorprendere dall'insidia Spezia e parte fortissimo: al 2' Insigne, tutto solo in area, spreca malamente col destro, mentre poco dopo a provarci sono Politano (mancino a giro fuori di un soffio) e Bakayoko (attento Provedel nell'occasione). Al 12' il portiere ospite è invece protagonista in negativo: da un suo disimpegno errato raccolto da Lozano nascono a raffica tante chance sciupate nel giro di pochi secondi da Fabian Ruiz e per ben due volte da Insigne. Il tiro a bersaglio continua al 21' con Politano: la mira tuttavia è ancora sballata. Al 37' torna in cattedra capitan Insigne, che con un insidioso rasoterra a effetto obbliga Provedel ad allungarsi per dire di no.

Il secondo tempo

Il copione non cambia all'alba della ripresa: il primo a provarci è Lozano, ma la palla sfila ancora a lato della porta spezzina. Al 53' Gattuso sostituisce un acciaccato Politano con Petagna: il neo entrato si rende subito pericoloso con un destro potente respinto alla grande da Provedel. La mossa del tecnico calabrese paga al 58', quando l'ex Spal, servito da Di Lorenzo, anticipa Terzi con una zampata sul primo palo e rompe un incantesimo che si ripropone al 66': Fabian Ruiz stende in area Pobega, con Mariani che assegna un rigore che viene trasformato da Nzola. La reazione del Napoli arriva al 75', quando Lozano anticipa Provedel ma sbaglia poi la misura del servizio per Petagna. Se questa è la cattiva notizia per gli azzurri, la buona è che al 77' Ismajli si becca il secondo giallo per un fallo proprio su Petagna, che al 79' impegna ancora Provedel. Sul ribaltamento a sorpresa gli ospiti passano addirittura in vantaggio con Pobega, che ribatte in rete la palla precedentemente scagliata sul palo da Nzola, bravo a vincere un duello tutto fisico con Maksimovic. Gattuso getta nella mischia anche Elmas, che all'89' spedisce incredibilmente alto una sorta di rigore in movimento innescato dall'altro volto nuovo Llorente: è su questo rimpianto, uno dei tanti della serata, che si spengono le speranze del Napoli di evitare una sconfitta a dir poco clamorosa.

Tabellino

Napoli (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Maksimovic, Mario Rui; Fabian Ruiz (38' st Llorente), Bakayoko (31' st Elmas); Politano (8' st Petagna), Zielinski (31' st Lobotka), Insigne; Lozano. In panchina: Meret, Contini, Hysaj, Ghoulam, Rrahmani, Cioffi, Lobotka. Allenatore: Gattuso. 

Spezia (4-3-3): Provedel; Vignali, Ismajli, Terzi, Marchizza (45' st Ramos); Deiola (1' st Pobega), Agoumè, Maggiore (45' st Saponara); Agudelo (1' st Gyasi), Nzola, Farias (34' st Erlic). In panchina: Krapikas, Rafael, Ferrer, Dell'Orco, Sena, Piccoli. Allenatore: Italiano.

Arbitro: Mariani di Aprilia.

Reti: 13' st Petagna, 23' st Nzola (rig), 37' st Pobega. Note: serata piovosa, terreno di gioco in buone condizioni. Espulso: Ismajli, al 32' st, per doppia ammonizione. Ammoniti: Pobega, Maggiore, Di Lorenzo, Terzi, Manolas. Angoli: 9-2. Recupero: 2'; 5'.

Leggi anche - Sampdoria-Inter 2-1, tonfo nerazzurro a Marassi