Victor Osimhen (Ansa)
Victor Osimhen (Ansa)

Torino, 26 aprile 2021 - Missione doppia rimonta riuscita: la vittoria sul Torino frutta al Napoli l'aggancio a quota 66 punti a Juventus e Milan, con quest'ultimo impegnato in serata sul campo della Lazio. Il fatturato offensivo degli azzurri è tutto racchiuso nel lasso temporale che va dall'11' al 13', quando prima Bakayoko e poi Osimhen hanno punito la difesa granata, graziata poi dai legni colpiti da Zielinski e Insigne e in generale dalle tante chance sciupate dagli ospiti, che hanno giocato gli ultimi minuti in superiorità numerica grazie al doppio giallo comminato a Mandragora.

Primo tempo

Per ammirare la prima occasione bisogna aspettare il 10', quando Di Lorenzo sfonda e pesca al centro Osimhen, che col destro trova solo l'esterno della rete. Con lo stesso piede dopo un giro di lancette va decisamente meglio a Bakayoko, che resiste alla pressione di Mandragora e dai 20 metri con una grande conclusione a incrociare batte Sirigu. Al 13' il Napoli raddoppia con Osimhen, che sfrutta il grave errore in fase di costruzione di Nkoulou, scappa via e deposita la sfera nel sacco anche grazie a un rimpallo fortunato con Bremer. Gli azzurri continuano a rendersi pericolosi sia imbastendo lunghe trame palla al piede sia in ripartenza: quest'ultimo è lo scenario che si palesa al 32', quando Zielinski lancia Politano, che converge al centro e col mancino sfiora il palo alla sinistra di un immobile Sirigu. Il Torino prova lentamente a reagire guadagnandosi una lunga serie di corner, anche se la migliore occasione arriva grazie a un avventato colpo di testa di Di Lorenzo sventato sulla linea da Osimhen. Sull'altro fronte è invece il palo a fermare la grande bordata di Zielinski, innescato da Hysaj.

Secondo tempo

Al rientro dagli spogliatoi Ansaldi scippa la sfera a Politano, salta Koulibaly con un dribbling ma non Meret, che si oppone alla grande. Sul ribaltamento Sirigu fa lo stesso su Osimhen, lanciato da Demme in profondità: il duello si ripete dopo due giri di lancette ed è vinto ancora dal portiere di casa. Quest'ultimo al 60' è invece salvato dal palo, il secondo del pomeriggio del Napoli: a colpirlo stavolta è Insigne al termine di una grande percussione personale, mentre sul prosieguo è il solito Sirigu a opporsi in uscita al tap-in volante del neo entrato Lozano. I ritmi calano fino all'80', quando un flipper nell'area granata innesca sia Mertens sia Osimhen: in entrambi i casa la difesa di Nicola si salva. Dopo un giro di lancette è proprio il bomber belga, appostato nel cuore dell'area, a sciupare il possibile colpo del ko per il Torino, che continua a esporsi al contropiede azzurro: all'83' servono le mani di Sirigu per respingere il potente destro di Lozano. Piove sul bagnato per i granata, che all'86' perdono Mandragora per doppia ammonizione ma il tabellino, complici i tanti sprechi degli ospiti (anche Elmas si aggiunge all'elenco all'89'), non cambia più: vince comunque con pieno merito il Napoli, che in un colpo solo aggancia Milan e Juventus.

Leggi anche - Juventus, la Champions a rischio: il calendario