Victor Osimhen (Ansa)
Victor Osimhen (Ansa)

 

Napoli, 29 marzo 2021 - C'era una volta il diktat dell'incedibilità dei propri giocatori proclamato a gran voce da Aurelio De Laurentiis. Mai come nella prossima estate a Napoli si prospetta lo scenario opposto: chiunque, a fronte di un'offera congrua, potrebbe partire.

L'ultima chance per Koulibaly

Per chiunque si intende davvero chiunque: dai senatori in fase calante a chi è arrivato da poco e (forse) deve ancora far vedere le proprie qualità. Nel primo calderone ci finisce innanzitutto Kalidou Koulibaly: non è una novità che con ogni probabilità questa sia l'ultima stagione in azzurro del senegalese, reduce da un'annata di parziale riscatto dopo un recente passato assolutamente da dimenticare. Complice un contratto in scadenza nel 2023, l'impressione è che la prossima sia per De Laurentiis forse l'ultima occasione per incassare una cifra di tutto rispetto vendendo il difensore, il cui prezzo, nonostante il calo delle prestazioni e l'avanzare dell'età, si aggira sugli 80 milioni. La domanda ricorrente è sempre quella: in piena pandemia uscirà davvero una società pronta a sborsare una cifra del genere per un difensore ormai uscito dalle primissime posizioni della classifica mondiale del ruolo? Il discorso cambia per Piotr Zielinski e Fabian Ruiz, gli altri due pezzi pregiati della vetrina azzurra: il polacco, ritenuto un vero e proprio perno del presente e del futuro, per meno di 100 milioni non sarà ceduto in alcun caso. Lo spagnolo per il patron partenopeo ne vale 70 e nel progetto ha comunque un suo peso specifico: a metterlo con una certa fretta sul mercato sono i venti di tempesta che soffiano tra le parti a causa di un rinnovo del contratto in scadenza nel 2023 che difficilmente arriverà.

Addio flash per Osimhen?

Poi ci sono tutti gli altri, compreso Victor Osimhen, costato 80 milioni solo per quanto riguarda il cartellino: la stagione del nigeriano è praticamente ingiudicabile a causa dei tanti infortuni e contrattempi vari che ne hanno ridotto all'osso il minutaggio. Insomma, gli alibi del caso ci sono tutti ma evidentemente non sono sufficienti a salvare la punta dal possibile esodo che ha in testa De Laurentiis per portare il monte ingaggi sotto la soglia degli 80 milioni lordi. A rischiare la cessione sono quindi giocoforza i giocatori più 'ricchi', con appunto Osimhen e Zielinski nella lista ma non solo: tra i Paperoni azzurri ci sono Dries Mertens e Hirving Lozano, che guadagnano a testa 4,5 milioni all'anno, senza dimenticare l'insospettabile Faouzi Ghoulam, che ne incassa addirittura 4,8.

Leggi anche - Qualificazioni a Qatar 2022, l'Italia sfata il tabù Bulgaria