Luciano Spalletti e Piotr Zielinski in conferenza stampa (Ansa)
Luciano Spalletti e Piotr Zielinski in conferenza stampa (Ansa)

Napoli, 3 novembre 2021 - Battere il Legia Varsavia anche a domicilio per completare l'operazione sorpasso nel Gruppo C di Europa League: il Napoli in terra polacca sogna in grande, come hanno confermato in conferenza stampa Luciano Spalletti e Piotr Zielinski.

Le parole di Spalletti

La missione per gli azzurri non si preannuncia semplice anche alla luce delle assenze alle quali dovrà far fronte il tecnico toscano che, tuttavia, non vuole ridimensionare le proprie ambizioni. "Non vedo perché dovremmo essere indeboliti da qualche defezione: la rosa è lunga e profonda e quindi, anche se non sarà semplice, faremo di tutto per vincere". Il capitolo infortunati ed acciaccati entra poi più nello specifico. "Su ogni giocatore facciamo valutazioni approfondite che vanno ben oltre lo stato di salute: Insigne, per dirne uno, è alle prese con un affaticamento muscolare che potrebbe diventare qualcosa di più serio. Inoltre - continua Spalletti - ci sono altri ragazzi che meritano di scendere in campo". Tra essi potrebbe esserci Ounas, a sua volta al rientro da uno stop piuttosto lungo. "E' un giocatore offensivo che ha così tanta qualità che può essere schierato ovunque. Tuttavia, a differenza ad esempio di Insigne o Politano, non riesce a dare una grande mano alla squadra quando c'è da ripiegare in fase difensiva. Comunque, vale per lui e per chiunque altro possa essere schierato: l'importante non sarà il numero di minuti giocati ma cosa verrà fatto durante gli stessi". C'è aria di una maglia da titolare pure per altri due giocatori che finora il rettangolo verde l'hanno visto poco. "Meret giocherà perché è forte quanto Ospina, non perché qualcuno possa pensare che la gara di domani sia meno sentita di altre. Il discorso vale anche per Juan Jesus: sulle sue qualità fisiche non ho dubbi - conclude Spalletti - ma solo a patto che abbia recuperato dalle fatiche di Salerno".

Le parole di Zielinski

Match che è stato deciso da una zampata di Zielinski, che torna a giocare in Polonia, seppur da avversario. "Ho avuto poche opportunità del genere in carriera ma ovviamente domani spero di vincere". Magari segnando ancora, come già successo all'Arechi. "Tornare al gol per me è stato molto importante soprattutto perché venivo da un periodo nel quale avevo avuto tanti problemi fisici. Adesso il peggio è passato e mi sto avvicinando ai miei livelli". Ci sarà bisogno del miglior Zielinski per espugnare quello che si preannuncia un catino molto rovente. "L'ambiente sarà caldo ma noi teniamo tantissimo a questa competizione".

Leggi anche - Champions League, probabili formazioni e orari tv del 3 novembre