Allianz-Umana: Mitchell Watt in azione (Ciamillo Castoria)
Allianz-Umana: Mitchell Watt in azione (Ciamillo Castoria)

Bologna, 22 marzo 2021 – Dopo i tre anticipi giocati venerdi e sabato e tenendo presente del rinvio causa Covid del big match tra Brindisi e Sassari, erano soltanto tre le gare della ventitreesima giornata del campionato di Serie A di basket in programma ieri. La capolista Armani AX Milano – reduce dal ko di Eurolega contro il Barcellona – si è imposta per 70-57 nel derby giocato contro un’Acqua San Bernardo Cantù rimaneggiata dal coronavirus. I biancorossi, hanno subito alzato i ritmi chiudendo sul +12 il primo quarto (26-14) e poi, trascinati da Luigi Datome e Shavon Shields (12 punti a testa), hanno cercato di impostare i ritmi a loro più congeniali toccando il loro apice sul 52-34 a 12’ dalla fine. Nel quarto quarto è arrivato però l’11-0 brianzolo che ha di fatto riaperto i giochi. Dall’altra parte, pronta è stata la risposta di Milano che con un controbreak di 7-0 ispirato da Datome si è riportata dal +5 al +12 facendo partire anzitempo i titoli di coda del match.

Akele manda al tappeto Cremona

Spettacolo e grandi emozioni a Cremona dove la De’ Longhi Treviso ha colto la terza vittoria di fila imponendosi al fotofinish 86-85 grazie al tap in vincente di Nicola Akele, grande ex di giornata: la compagine trevigiana nel primo tempo sembrava avviata verso un agevole successo ma, raggiunto il +22 sul 43-21, la luce si è spenta e Cremona ha iniziato una lenta ma inesorabile rimonta alimentata dai canestri del neo arrivato Jaylen Barford (33 punti) e culminata nel sorpasso sull’81-80. All’ultimo respiro, però, Akele è riuscito a correggere a canestro l’errore di Sokolowski per l’86-85 finale.

Infine, nel posticipo delle 20.45 l’Umana Reyer Venezia ha sbancato Trieste battendo l’Allianz padrona di casa 87-69. Dopo un primo tempo giocato sul filo dell’equilibrio (38-41), Venezia ha dato una poderosa accelerata piazzando un parziale di 24-6 ispirato da Stefano Tonut (top scorer del match con 23 punti) e Daye che hanno spinto i lagunari a +21 (44-65). Sul -17 a 10’ dalla fine, Trieste non si è però data per vinta è ha iniziato la frazione conclusiva con un 10-0 che ha riportato lo svantaggio in singola cifra. Sforzi resi però vani dai punti pesanti nel finale di Daye, Tonut e Chappell.

Leggi anche - Nba: infortunio alla caviglia per LeBron James