Giuseppe Conte con la mascherina
Giuseppe Conte con la mascherina

Roma, 3 maggio 2020 - Alla vigilia della tanto attesa fase 2, Giuseppe Conte parla agli italiani, via social. Il lungo post è accompagnato da una foto del premier in mascherina - a sottolineare l'importanza, anche dal 4 maggio, di prudenza e distanziamento - e si declina in un appello agli italiani. "Da domani oltre 4 milioni di italiani torneranno al lavoro, si sposteranno con i mezzi pubblici, molte aziende e fabbriche si rimetteranno in moto - scrive Conte - E saranno ben più numerose le occasioni di un possibile contagio, che potremo scongiurare solo grazie a un senso di responsabilità ancora maggiore". 

Fase 2, la guida: sciogli gli ultimi dubbi

Dunque, "Come mai prima, il futuro del Paese sarà nelle nostre mani. Più saremo scrupolosi e prima potremo riconquistare altri spazi di libertà. Non sperperiamo quello che abbiamo faticosamente guadagnato".

Insomma, visto che non è un 'liberi tutti', "dovremo tenere sempre alta l'asticella dell'attenzione, mantenere la distanza interpersonale, indossare la mascherina quando e dove sarà necessario, lavarci spesso e con cura le mani. Più saremo scrupolosi nell'osservare le indicazioni di sicurezza e prima potremo riconquistare altri spazi di libertà. Non sperperiamo quello che abbiamo faticosamente guadagnato in cinquanta giorni", sottolinea il premier.

"Dovremo tutti insieme cambiare marcia al Paese - continua l'appello del premier - Con prudenza, decisi e determinati ad andare avanti ma senza rischiare di fermare il motore. Non c'è una ricetta giusta per garantire la ripartenza, senza pensare in primo luogo alla salute e alla sicurezza di tutti noi. Sono fiducioso, insieme ce la faremo".

FOCUS / "Congiunti? Relazioni durature e significative". Il Pdf - BOLLETTINO / Altre 174 vitime - FASE 2 / Ecco la nuova autocertificazione - I consigli per il ritorno al lavoro - I consigli per il rientro a casaTutte le Faq della fase 2 -  FOCUS Il link per il download della app AutoCert19 per chi possiede un dispositivo mobile Apple: https://onelink.to/autocert19

Arcuri, pronti per il secondo tempo

E a 'Che tempo che fa' di Fabio Fazio interviene il commissario straordinario Domenico Arcuri: "Domani si comincia il secondo tempo di una partita, per mutuare un esempio calcistico, di cui non si conosce ancora la durata e non si conosce ancora quando l'arbitro fischierà la fine".
E spiega: "Questa sera in terapia intensiva in Italia c'erano 1501 persone. Si dice che sono il doppio di quelli che c'erano quando ci siamo chiusi tutti, ma io aggiungo un dato confortante: oggi abbiamo distribuito al sistema sanitario italiano 8355 strumenti che servono a incrementare il numero dei posti letto in terapia intensiva. Siamo certamente più pronti di quanto lo fossimo il primo giorno". 

Focus / Il bollettino di oggi, 3 maggio

Mascherine a 50 cent, i punti vendita

Intanto stamattina è stato ufficialmente siglato l'accordo tra Arcuri, Confcommercio, Federdistribuzione e Conad: saranno circa 20.000 i punti vendita della grande distribuzione dove da domani le mascherine chirurgiche potranno essere acquistate da tutti i cittadini a 0,50 centesimi, al netto dell'Iva. L'intesa siglata tra il Commissario e le grandi catene di distribuzione avrà valore anche per tutti i commercianti italiani loro associati.