Zoe Saldana
Zoe Saldana

Quando nel 2016 uscì il film biografico 'Nina', dedicato alla cantante e musicista jazz Nina Simone (1933-2003), il responso della critica fu severissimo: in poche parole, tutto era andato storto e il risultato finale era un disastro. Ora l'attrice Zoe Saldana, protagonista della pellicola, torna a parlarne e chiede scusa. "Non avrei mai dovuto interpretare Nina", ha detto nel corso di un'intervista con il co-creatore di 'Pose' Steven Canals: "Avrei dovuto fare leva sul potere che avevo dieci anni fa, che non era il potere di cui godo oggi ma comunque avevo. Avrei dovuto fare tutto il possibile perché a interpretare quell'eccezionale donna nera fosse una donna nera".


Zoe Saldana e le scuse arrivate solo ora

Zoe Saldana ('Avatar', 'Guardiani della galassia', 'Star Trek') ha origini dominicane e portoricane, mentre Nina Simone è nata in una famiglia afroamericana. Per questo motivo, quando venne annunciato che la cantante sarebbe stata interpretata da Saldana, la figlia di Simone utilizzò la propria pagina Facebook per commentare che amava l'attrice, che aveva visto i suoi film anche più volte, ma "che non tutti i progetti sono adatti a chiunque. E so cosa mia madre avrebbe pensato di questa scelta".

Nel 2013, quando ancora il film era in lavorazione, Saldana fu intervistata sull'argomento dal magazine Latina. Queste le sue parole di allora: "Se Elizabeth Taylor può interpretare Cleopatra, allora io posso interpretare Nina. Non mi importano le polemiche, io onorerò e rispetterò la mia comunità nera perché è ciò a cui appartengo e che definisce anche me". Nel 2016, questa volta parlando con Allure, disse: " Non c'è un modo solo di essere neri. Io sono nera, sto crescendo dei bambini neri e non permetto a nessuno di trattarmi con disprezzo".

In tempi recenti la sensibilità sociale intorno a certi temi è cambiata radicalmente e oggi Zoe Saldana ha qualcosa di completamente diverso da dire: "Pensavo di potere interpretare Nina Simone perché ero una donna di colore. E lo sono. Ma stiamo parlando di Nina Simone, che ha avuto una vita e un'evoluzione personale che avrebbero dovuto essere onorate, e ancora oggi meritano di esserlo, nel modo più dettagliato possibile, perché lei era una persona fatta di dettagli molto specifici. Dunque sì, mi spiace, mi spiace molto. Ora ho una comprensione diversa di tutta la faccenda e non rifarei più la scelta che ho compiuto allora".

Per ripassare, ecco il trailer di 'Nina'



Leggi anche:
- Donald Trump usa le sue canzoni, Neil Young gli fa causa
- The Boys 2, ecco il trailer della serie TV di Amazon Prime Video
- Ratched, la serie TV Netflix sull'infermiera sadica