Lunedì 22 Luglio 2024
RITA BARTOLOMEI
Cronaca

Caso Resinovich, il procuratore: “Consulenza medico legale è la chiave”. Il marito: “Lilly una donna ferita, cosa mi aspetto dalle indagini”

Sebastiano Visintin: “Mia moglie potrebbe essersi trovata in un vortice che non si aspettava”. L’avvocato Gentile: “Aspettiamo fiduciosi”

Trieste, 27 settembre 2023 – La chiave del caso Liliana Resinovich “è la consulenza medico-legale, affidata a un’esperta di prim’ordine”. Che è poi Cristina Cattaneo, l’antropologa di Yara Gambirasio.

Approfondisci:

Alessio Vinci trovato morto a Parigi. “Ecco perché sono convinta che sia stato ucciso”

Alessio Vinci trovato morto a Parigi. “Ecco perché sono convinta che sia stato ucciso”

Caso Resinovich, le parole del procuratore

Parole di Antonio De Nicolo, procuratore capo di Trieste. Che a febbraio aveva chiesto di archiviare come suicidio la morte della 63enne sparita da casa la mattina del 14 dicembre 2021 e ritrovata cadavere il 5 gennaio 2022 nel parco dell’ex ospedale psichiatrico, poco distante dalla casa divisa con il marito Sebastiano Visintin.

Approfondisci:

Elisa Claps, la mamma Filomena: “Quell’incontro con Danilo Restivo al processo. Cosa mi aspettavo dalla Chiesa”

Elisa Claps, la mamma Filomena: “Quell’incontro con Danilo Restivo al processo. Cosa mi aspettavo dalla Chiesa”
Approfondisci:

Caso Resinovich, Bruzzone: quando è morta Lilly e perché potrebbe rimanere un mistero per sempre

Caso Resinovich, Bruzzone: quando è morta Lilly e perché potrebbe rimanere un mistero per sempre

Quella consulenza permetterà di “vedere se siamo nel giusto o se c'e' un'altra dinamica", ha dichiarato De Nicolo. In questi giorni alle prese con un secondo mistero, quello del cadavere legato e bendato, anche in quel caso la procura non esclude il suicidio. “Fino all’autopsia non ci sbilanciamo”, ha però osservato oggi De Nicolo.

Liliana Resinovich: le tappe del giallo di Trieste
Liliana Resinovich: le tappe del giallo di Trieste

L’attesa dell’avvocato Gentile

Nicodemo Gentile, presidente di Penolope e avvocato che assiste Sergio Resinovich, il fratello di Lilly –convinto da sempre che la sorella sia stata uccisa -, smorza ogni polemica. “Vogliamo collaborare con la procura per l’accertamento della verità – dichiara al telefono -. Aspettiamo fiduciosi”. E non si sbilancia nemmeno sui tempi. L’aspetto medico-legale è comunque centrale nella richiesta di opposizione presentata per conto del fratello (le altre due sono di marito e nipote). E quei dubbi sono stati sposati in pieno dal gip che ha richiesto una serie di approfondimenti, tuttora in corso. L’ipotesi nuova del fascicolo, omicidio, è funzionale agli accertamenti. 

Approfondisci:

Cadavere bendato di Trieste, Garofano: “Sembra un’esecuzione, ecco perché”

Cadavere bendato di Trieste, Garofano: “Sembra un’esecuzione, ecco perché”

I dubbi del marito Sebastano Visintin

Ma il caso Resinovich potrebbe rimanere un mistero per sempre? Lo teme Sebastiano, marito di Lilly. A lungo sotto i riflettori – soprattutto in tv – assieme a Claudio Sterpin, 82 anni, l’amico ritrovato della 63enne, l’uomo che ha sempre raccontato: Liliana voleva rifarsi una vita con me.

"Spero dal profondo del cuore che si riesca a fare luce su quello che è successo a mia moglie  – commenta al telefono con Qn.net Sebastiano -. Lilly potrebbe essersi trovata in un vortice che non si aspettava. A distanza di tempo e ascoltando un po’ tutti, secondo me era una donna ferita da alcune persone. Però amava la vita e non aveva alcun motivo per suicidarsi. Almeno in apparenza”.

Approfondisci:

Liliana Resinovich: l'ultimo viaggio nelle carte della procura. Le ore prima di morire

Liliana Resinovich: l'ultimo viaggio nelle carte della procura. Le ore prima di morire