Milano, 12novembre 2017  - "Ben 10 testimonianze, su trenta, si riferivano a  Fausto Brizzi", il programma le Iene stasera è tornato sulla sua inchiesta mostrando le testimonianze, in gran parte anonime (quasi tutte le donne sono apparse a volto coperto e con la voce mascherata), delle ragazze che avevano lanciato sospetti sul regista. Brizzi, dopo le nuove accuse, ha affidato al suo legale,  Antonio Marino, la risposta: "In riferimento alla trasmissione "Le Iene", andata in onda nella serata di oggi, ribadisco di non avere mai avuto rapporti non consenzienti".

Già dopo la prima trasmissione di Italia1 sull'argomento molestie Brizzi era uscito allo scoperto per difendersi dalle allusioni sulla sua condotta morale con le giovani attrici. Stasera le Iene hanno riproposto le testimonianze, spiegando che in effetti alcune ragazze puntano il dito contro di lui. In più, la Iena Dino Giarrusso, ha reso noto che "delle decine di mail" arrivate in seguito in redazione, su accuse di molestie, "una gran parte riguarda ancora una volta Brizzi".

Il regista ieri si era difeso: "Mai e poi mai nella mia vita ho avuto rapporti non consenzienti o condivisi", era intervenuto dopo giorni di sospetti, veleni sui social network, indiscrezioni sulle presunte molestie sessuali ai danni di alcune attrici. Fausto si era subito affidato al suo legale, Antonio Marino, pronto a tutelarlo legalmente.

Quindi gli echi del caso Harvey Weinstein stanno trovano terreno fertile anche in Italia. La Trevisan che accusa Tornatore. Asia Argento, tra le prime a denunciare il potente produttore americano, che attacca un po' tutti, compreso Brizzi a cui scrive su Twitter: "#FaustoBrizzi accusato di molestie sessuali sospende il lavoro". Querelaci tutte! Non ci fai paura!"

Dalla parte di Brizzi è arrivata invece in soccorso Nancy Brilli, amica e attrice che lui ha diretto in Ex e Maschi contro femmine: "Non avevo mai sentito una chiacchiera finora. Conosco Brizzi come persona corretta, un bravo regista e produttore. Un amico che si è comportato sempre correttamente". 

Le voci su Brizzi erano volate sui social dopo l'inchiesta proprio di Dino Giarrusso, nella puntata del 22 ottobre delle Iene. Attrici come Tea Falco, Giovanna Rei e Giorgia Ferrero avevano parlato di episodi di molestie e violenze nel mondo del cinema, e altre colleghe, rimaste anonime, raccontarono di aggressioni sessuali subite per lavorare, accusando alcuni registi, tra i quali "un romano quarantenne".

Kevin Spacey cancellato dal film, Ridley Scott rigira tutte le scene

Stasera Giarrusso ha mandato in onda varie testimonianze, coi volti coperti e le voci contraffatte. "Questa ragazze non si conoscono fra loro eppure tutti i loro racconti si somigliano in maniera impressionante". Le intervistate hanno raccontato tutte di "uno studio che però è anche una casa", "uno studio-abitazione, con una vasca idromassaggio, il soggiorno, la camera da letto". Non mancano dettagli delle molestie che in certi casi, secondo il racconto, sarebbero state vere e proprie violenze. 

In chiusura la Iena chiama Fausto Brizzi, cellulare spento: "Lo abbiamo cercato in ogni modo siamo pronti ad ascoltare la versione di Brizzi in ogni momento, ma anche quella di tutte le altre ragazze che sostengono di aver subìto molestie".