Valentino Rossi
Valentino Rossi

Roma, 28 ottobre 2021 – Chiuso il suo ultimo weekend italiano a Misano, il Dottore appenderà il casco da moto al termine dell’ultima gara stagionale a Valencia. Poi sarà una nuova carriera nelle auto. Valentino Rossi ha provato a capire nel 2021 quale fosse il suo livello di competitività, ma evidentemente gli anni passano e quelli più giovani sfrecciano. Ha tentato un’ultima carta ma ha capito: è ora di ritirarsi. Il Dottore pensava di essere maggiormente vicino al livello dei migliori, non è stato così e, ad averlo saputo, avrebbe smesso prima.

Mi sarei ritirato nel 2020

“Onestamente mi aspettavo di essere più competitivo, altrimenti avrei messo nel 2020 – le sue parole a Sky Sport – Diciamo che non siamo al top, né io né la moto, e questa combinazione non porta risultati. Volevo essere sicuro che non ci fosse più niente da fare e quest’anno mi sono tolto ogni dubbio”. Resta però un Rossi sereno per la decisione, basta con le moto, nel futuro le auto e un programma accattivante che presto svelerà pubblicamente: “Sto bene – l’ammissione di Rossi – Il terrore del ritiro ce l’ho avuto fino al 2019 ma adesso stiamo organizzando un bel programma con le auto e sono sereno. Se fossi stato competitivo avrei continuato e guardando le immagini delle vecchie vittorie si vede che andavamo più piano per tanti motivi. Sono rimasto l’unico a correre da quei tempi se guardiamo a chi c’era in 125 e sono stato bravo a migliorarmi”.

Leggi anche - Moto gp, giusto smettere quando il fuoco si spegne