Valentino Rossi (LaPresse)
Valentino Rossi (LaPresse)

Alcaniz, 20 settembre 2019 - Si alza il sipario sul GP di Aragona, tappa numero 14 del Motomondiale e ultima prova prima del tour in Oriente. Con il titolo di MotoGp già ipotecato, Marc Marquez punta all'ennesima vittoria sul circuito casalingo (è nato a Cervera, poco distante dal circuito di Alcaniz). Reduce dalla vittoria di Misano, il campione del mondo arriva in Spagna forte dei suoi 93 punti di vantaggio su Andrea Dovizioso a sei gare dalla fine. Nel weekend il 'Cabroncito' salira' a quota 200 Gran Premi in carriera. Ventitré giri per 17 curve (una intitolata proprio a Marquez, la 10) e poco più di 5 km, il tracciato aragonese è particolarmente impegnativo per i freni. Occhi puntanti sulla curva 16, preceduta da un rettilineo di 968 metri, dove i bolidi assano da 344 km/h a 148 km/h in 4,1 secondi durante i quali percorrono 253 metri. 

Il finesettimana è iniziato proprio all'insegna dello spagnolo dell'Honda, che ha dominato la prima sessione di prove libere con tempi stellari. Nella seconda sessione hanno la meglio le Yamaha. E' di Maverick Vinales il miglior tempo nelle Fp2: subito dietro i compagni di squadra Valentino Rossi e Fabio Quartararo. Ma Marquez resta in testa alla classifica combinata. 

Libere e qualifiche in diretta

MotoGp in tv: gli orari 

Fp2, risultati e tempi 

Seconde libere targate Yamaha nel Gran Premio di Aragon. Miglior tempo per Maverick Vinales in 1.48.014, davanti a Valentino Rossi staccato di +0.57 millesimi e a Fabio Quartararo, lontano +0.103. Quarto tempo per lo spagnolo Marc Marquez (+0.190) su Honda, che era stato il più veloce nella prima sessione. Ottavo tempo per Andrea Dovizioso su Ducati staccato di +0.463 da Vinales. Fuori dai primi dieci Danilo Petrucci (sull'altra Ducati) e Franco Morbidelli su Yamaha Petronas, entrambi domani rischiano di dover passare dalla Q1.

Fp1, risultati e tempi

Marquez ha fatto il miglior giro in 1:46.869, e solo Maverick Vinales, della Yamaha, è riuscito a tenergli testa, seppur con un ritardo di 1"617. Per tutti gli altri piloti, a cominciare da Fabio Quartararo, in sella a una Yamaha Petronas, i distacchi sono stati enormi, cioè di oltre 2 secondi. Quarto tempo per Andrea Dovizioso (Ducati), settimo Danilo Petrucci (Ducati), nono Franco Morbidelli (Yamaha Petronas). Fuori dai primi dieci Valentino Rossi (Yamaha), che segna addirittura il 17esimo tempo. 

 

MotoGp, rivivi la diretta delle prove libere

MotoGP, la classifica completa

Il calendario delle gare. Date e orari di tutti i Gran Premi

Tutti i risultati di sport