Merters in azione contro la Sampdoria (Ansa)
Merters in azione contro la Sampdoria (Ansa)

Napoli, 12 dicembre 2020 - Inaugurare in campionato quello che è da poco diventato ufficialmente lo Stadio Diego Armando Maradona con una vittoria: per farlo il Napoli nella partita in programma domenica 13 dicembre alle 15 deve avere la meglio su una Sampdoria apparsa in difficoltà di recente, al punto da non trovare la via del successo addirittura da fine ottobre.

Le probabili formazioni

Napoli (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, M. Rui; Demme, F. Ruiz; Lozano, Mertens, Insigne; Petagna. All.: Gattuso

Sampdoria (4-4-2): Audero; A. Ferrari, Yoshida, Colley, Augello; Candreva, Thorsby, Ekdal, Askildsen; Ramirez, Quagliarella. All.: Ranieri

Orari tv e dove vederla

Napoli-Sampdoria (fischio d'inizio alle 15) sarà trasmessa in diretta tv da Sky e andrà in onda sui canali Sky Sport Serie A (numero 202 e 249 del satellite, numero 473 e 483 del digitale terrestre) e Sky Sport (numero 252 del satellite). Disponibile anche lo streaming sul dispositivo SkyGo.

 

 

 

Qui Napoli


Con i recuperi di Hysaj e Rrahmani, risultati prima di nuovo positivi al Covid-19 e poi negativi, l'abbondanza regna sovrana nella rosa azzurra, con Osimhen come unica pedina rimasta in infermeria: i tempi di recupero del nigeriano si stanno dilatando in maniera clamorosa, al punto che il rientro potrebbe avvenire non prima dell'inizio del 2021. Nonostante la vasta gamma di scelta e i recenti impegni europei che hanno spremuto per bene il roster, Gattuso ha comunque le idee chiare, a cominciare dai pali, dove si rivedrà Meret: a sua protezione agiranno Manolas e Koulibaly al centro e Di Lorenzo e Mario Rui sulle corsie. I due avanti alla retroguardia saranno Demme e Fabian Ruiz, con i tre 'piccoletti Lozano, Mertens e Insigne a supporto di Petagna, ex di giornata.

Qui Sampdoria

 

 

Decisamente più complicato il fronte infermeria per Ranieri, che per risollevare una situazione diventata scomoda non potrà contare su Keita, Gabbiadini, Bereszynski e Prelec. Le certezze non mancano, a cominciare da Audero tra i pali, con Ferrari, Yoshida e Augello già certi di una maglia: l'altra se la giocheranno Colley e Tonelli, con il primo in vantaggio sull'ex di turno. L'altro dubbio di Ranieri alberga a sinistra, con Askildsen che dovrebbe vincere il ballottaggio con Jankto: a destra ci sarà Candreva, con Thorsby ed Ekdal interni. Zero discussioni per l'attacco, con Quagliarella e Ramirez che ce la metteranno tutta per rovinare la festa della prima in campionato al nuovo Stadio Maradona.

Leggi anche - Napoli, di Zielinski il primo gol nello Stadio Maradona