Antonio Mirante (Ansa)
Antonio Mirante (Ansa)

Napoli, 4 settembre 2021 - La questione portieri in casa Napoli sta assumendo sempre di più i connotati di un thriller dalle tinte fosche che nelle ultime ore potrebbe aver trovato nello svincolato Antonio Mirante la soluzione a molti problemi.

Spazio ai giovanissimi?



Innanzitutto a quelli meramente numerici, visto che contro la Juventus, oltre al lungodegente Alex Meret, potrebbe star fuori anche David Ospina, alle prese con un bruttissimo mix: infortunio e volo intercontinentale a poche ore dal fischio d'inizio. In realtà i problemi legati al colombiano, pure nell'ipotesi di un verdetto positivo dagli esami strumentali che saranno effettuati, vanno ben oltre la gara con l'acerrima rivale: provenendo da uno stato considerato per le leggi inglesi ad alto rischio Covid, Ospina teoricamente per questioni burocratiche e di quarantena potrebbe essere fuori causa per la partita in casa del Leicester, in programma il 15 settembre. Qualora si concretizzasse questo scenario (sempre sperando che alla fine il temibile virus stia lontano dal colombiano), a quel punto il Napoli dovrebbe debuttare in Europa League con Hubert Idasiak, estremo difensore della Primavera, mentre contro la Juventus toccherebbe a Davide Marfella. Una staffetta di cui Luciano Spalletti farebbe volentieri a meno, lasciando piuttosto ai due giovani portieri il tempo di crescere con calma senza rischiarli tra l'altro su palcoscenici molto importanti. In caso di cattive notizie dai titolari, meglio andare sul cosiddetto usato sicuro: specialmente se il suddetto usato sicuro conosce bene l'ambiente pur non avendo mai giocato a Napoli.

Il volo della speranza

 

Anzi, per la verità la sua avventura nel calcio che conta Mirante, classe '83 nato a Castellammare di Stabia, l'ha iniziata proprio in quella Juventus che si ritroverebbe da avversario qualora alla fine i colloqui in corso con il club partenopeo diventassero qualcosa di più concreto. A ballare nella testa di Aurelio De Laurentiis e Cristiano Giuntoli ci sono tantissimi pensieri: su tutti, sarebbe davvero opportuno ingaggiare un nuovo giocatore per un'emergenza che tutto sommato potrebbe durare appena pochi giorni? Una prima risposta a questa domanda arriverà nelle prossime ore, quando il Napoli avrà sul tavolo due dati in più per risolvere il problema: il referto medico sulle condizioni di Ospina e l'eventuale fattibilità dell'organizzazione di un volo privato con partenza da Barranquilla, dove curiosamente potrebbe salire anche Juan Cuadrado, rivale nel prossimo turno di campionato.

Leggi anche - Napoli, zero cessioni: pro e contro della strategia di De Laurentiis