Devon Hall (Ciamillo)
Devon Hall (Ciamillo)

Milano, 12 ottobre 2021 – Non sembra conoscere la parola sconfitta l’Armani AX Milano in questo primo scampolo di Eurolega: l’Olimpia, dopo aver sbancato VItoria, ha infatti sconfitto anche il Maccabi Tel Aviv 83-72 centrando il terzo successo in altrettante gare europee e avvicinandosi al meglio all’appuntamento di venerdì contro i campioni d’Europa dell’Efes. Un risultato finale che non racconta appieno quello che è stato il reale dominio dei biancorossi questa sera al Forum: gli uomini di Messina hanno infatti sostanzialmente archiviato la pratica già al termine di un primo tempo interpretato alla perfezione in entrambe le metà del campo e chiuso avanti 52-30. Con una difesa asfissiante, infatti, gli uomini di Messina hanno soffocato tutte le fonti di gioco israeliane a cominciare da Scott Wilbekin (2 punti e 0/4 dal campo per lui), mentre in attacco sono riusciti a trovare i giusti ritmi e ottime spaziature. Nella ripresa i gialloblu hanno provato a reagire riducendo notevolmente il passivo ma senza riuscire a impensierire realmente Milano, oggi trascinata dalle prove maiuscole di Devon Hall (17 punti) e Dinos Mitoglou (16 punti e 6 rimbalzi).

La gara

Sono bastati pochi minuti all’Olimpia per prendere le misure del Maccabi e alzare i giri del motore: i biancorossi hanno infatti ben presto eretto un muro difensivo che ha mando in tilt i meccanismi degli israeliani, mentre in attacco hanno colpito con le stilettate di Delaney e Melli che hanno contribuito a costruire il primo vantaggio biancorosso in doppia cifra (20-9). Un +11 conservato dai meneghini fino al suono della sirena di fine primo quarto (26-15). Quando sono saliti in cattedra anche Mitoglou e Hines, che hanno segnato punti importanti e caricato di falli i pari ruolo del Maccabi, il vantaggio milanese – anche grazie a Delaney e Melli – è via via cresciuto fino al +22 di fine primo tempo (52-30). La prima, vera reazione del Maccabi è arrivata nella seconda metà della terza frazione con due triple di Wilbekin per il -14 esterno (63-49). Con cinque punti consecutivi di Mitoglou, Milano ha cercato di ristabilire le distanze ma il Maccabi non si è dato per vinto e, aggrappandosi a uno scatenato Williams, ha riacceso la rimonta arrivando fino al -9 a 1’20 dalla fine. Troppo poco, però, per impensierire davvero l’Olimpia.

Leggi anche - Basket serie A: Virtus implacabile. Milano di misura su Varese, Brescia fanalino di coda