Venezia-Virtus
Venezia-Virtus

Bologna, 10 ottobre 2021 – Continua, anche dopo questa terza giornata – cominciata con gli anticipi del sabato vinti da Trento e Brindisi – il testa a testa in vetta alla classifica del campionato di Serie A di basket tra l’Armani AX Milano e la Virtus Segafredo Bologna, uniche squadre ancora a punteggio pieno. I meneghini hanno piegato a domicilio 82-79 una coriacea Openjobmetis Varese desiderosa di riscattare il pesante ko di una settimana fa contro la Virtus. E la compagine di coach Vertemati c’è quasi riuscita a sgambettare la corazzata Olimpia: trascinata da un tarantolato Alessandro Gentile (25 punti), Varese ha provato con un 13-0 piazzato nel terzo quarto a strappare l’inerzia del match a Milano che però, aiutata da Hall (16 punti) e Ricci, ha tenuto testa agli avversari e nel finale punto a punto ha avuto la forza di piazzare il colpo di reni e al tempo stesso ha tirato un sospiro di sollievo per la tripla del possibile pareggio sbagliata allo scadere dall’ex di serata Gentile. Molto più autoritario il successo di una impressionante Virtus Segafredo Bologna che – pur essendo ancora priva di Nico Mannion e del nuovo acquisto Corinier – ha travolto l’Umana Reyer Venezia 84-65: impressionante il terzo quarto dei bianconeri che hanno stretto i lagunari nella loro morsa difensiva mettendo a segno un mortifero 29-9 di parziale nella frazione. Subito 17 punti in 17 minuti per Jakarr Sampson, miglior realizzatore dei suoi all’esordio in bianconero. Vittoria preziosa per la Dinamo Sassari che, dopo il ko in Champions League, ha piegato 96-93 la Unahotels Reggio Emilia al termine di un tempo supplementare: gli emiliani sono rimasti aggrappati al match grazie a uno straordinario 14/28 nel tiro da tre punti ma all’overtime sono caduti sotto i colpi di Eimantas Bendzius (17 punti) e Stefano Gentile. Sugli scudi, tra i sardi, anche Anthony Clemmons con 22 punti.


Primi successi per Napoli e Fortitudo. Male Brescia



Nella parte più bassa della graduatoria sono invece arrivati i primi squilli stagionali di GeVi Napoli e Fortitudo Kigili Bologna. I partenopei hanno fermato la corsa della Nutribullet Treviso, sconfitta al PalaBarbuto 82-70: a mettere la firma sul successo dei partenopei, che hanno preso il largo nel secondo quarto per poi arrivare a toccare anche il +15, ci hanno pensato un Jason Rich apparso in grande crescita (14 punti), Frank Elegar (11 punti e 8 rimbalzi), Jordan Parks e Arnoldas Velicka. Sorride, come detto, anche la Fortitudo KIgili Bologna che ha strapazzato la Carpegna Prosciutto Pesaro 87-68: sulle ali di uno scatenato Robin Benzing (23 punti di cui 16 nel solo primo tempo), la Fortitudo ha condotto le operazioni per tutto il primo tempo andando negòli spogliatoi a +7 (37-30) e dopo la pausa lunga, con la complicità di un antisportivo su Aradori, ha scollinato la doppia cifra di vantaggio. Pesaro ha cercato di rientrare riportandosi a -6 all’alba del quarto quarto, ma un 10-0 ha subito spento le speranze marchigiane facendo volare un’Aquila oggi spinta anche da Jon Gundmundsson (9 punti, 11 assist e 6 palle recuperate) e da un solidissimo Leonardo Toté (14 punti e 8 rimbalzi). Resta quindi sola in fondo alla classifica la Germani Brescia, sconfitta 80-72 dall’Allianz Trieste di uno scatenato Adrian Banks (25 punti). Con un mortifero 31-15 di break messo a segno nel secondo quarto, i giuliani hanno allungato il passo e poi hanno saputo resistere alla rimonta di Brescia, alla quale non sono bastati i 19 punti di Amedeo Della Valle e i 15 a testa di Cobbins e Mitrou-Long.

MATTEO AIROLDI