L'Armani AX Milano (Ansa)
L'Armani AX Milano (Ansa)

Milano, 4 novembre 2021 – L’Armani AX Milano cala il “Settebello” e piega anche il Barcellona 75-70 nello scontro al vertice dell’Eurolega, prendendosi così la vetta della classifica in solitaria. Gli uomini di Messina hanno ancora una volta squadernato una prestazione da incorniciare, partendo dalla difesa che ha concesso soltanto 70 punti a quello che si presentava ai nastri di partenza della sfida come il miglior attacco della competizione e che è stata capace di limitare alla perfezione giocatori di stazza e qualità come Nikola Mirotic (10 punti), Sertac Sanli (4 punti), Cory Higgins (5 punti) e Brandon Davies (12 punti). Anche in fase offensiva però la macchina milanese ha funzionato quasi alla perfezione, facendosi trascinare dalle prove maiuscole di Gigi Datome (17 punti) e Devon Hall (16 punti e 4/5 da tre) che hanno esaltato le qualità del collettivo biancorosso.
 

La gara

Milano ha subito messo le marce alte con le triple di Hall, Datome e Hines che hanno ispirato l’ottimo primo quarto biancorosso chiuso a +7 (28-21). All’inizio del secondo quarto, però, il Barcellona ha provato ad alzare i decibel del suo gioco riportandosi a contatto con una buona difesa e i canestri di Jokubaitis (30-27). Un rientro estemporaneo perché, l’Olimpia ha ben presto ripreso a macinare gioco e canestri toccando la doppia cifra di vantaggio sul 30-20 siglato da un Devon Hall da 13 punti e 3/3 dall’arco nei primi 20’. Chiuso a +8 il primo tempo (42-34), Milano ha dato l’impressione di poter contenere il Barcellona che anche nel terzo quarto ha arrancato finendo addirittura a -12 (61-49 a10’ dalla fine). Messa all’angolo la compagine catalana ha tirato fuori tutto il suo orgoglio e la sua grande determinazione cominciando la quarta frazione con un impressionante 14-0, valso il clamoroso sorpasso sul 61-63, griffato da Hayes. Una doccia gelata per Milano che ha avuto però la forza di resettare il suo computer di bordo e di ripartire con una poderosa reazione: i canestri pesantissimi di Datome, Shields e Rodriguez hanno infatti evitato all’Olimpia uno scivolone che sarebbe stato troppo ingeneroso per quanto visto nei 40’.

Leggi anche - Basket Eurocup: per la Virtus Bologna c'è il primo stop