Sergio Rodriguez
Sergio Rodriguez

Milano, 17 gennaio 2021 – Reduce dal rocambolesco rientro in Italia a inizio settimana e dal successo in Eurolega contro l'Alba Berlino, l’Armani AX Milano non ha perso tempo e ha subito ripreso la sua corsa in vetta al campionato travolgendo nel match di mezzogiorno 102-73 la Unahotels Reggio Emilia: gli uomini di Ettore Messina, guidati da un sontuoso Sergio Rodriguez (18 punti e 7 assist), hanno archiviato la pratica in un primo tempo pressoché perfetto (24/35 al tiro) e chiuso sul 62-36 (31 punti in entrambi i primi due quarti) per poi limitarsi a gestire il passivo. Dietro ai meneghini sono poi arrivate le preziose vittorie di Virtus Segafredo Bologna e Dinamo Sassari che hanno così agganciato a quota 20 punti la Happy Casa Brindisi. La compagine sassarese, che ha tirato con 58.6% da due e con il 53% da tre, ha strapazzato 99-74 la Carpegna Prosciutto Pesaro (orfana di Carlos Delfino) mettendo il turbo nel terzo quarto quando sono saliti in cattedra Eimantas Bendzius (16 punti) e Stefano Gentile che hanno griffato l’allungo decisivo. Nei 10’ finali poi i biancoblu hanno messo in ghiaccio il risultato con un altro break di 27-13. La Virtus Segafredo, reduce dal vincente impegno di Eurocup, si è confermata invece infallibile in trasferta e dopo 12 anni ha sconfitto il campo di casa di Cantù, superata 82-91 con un’ottima prestazione corale (30 assist di squadra). Anche in questo caso lo spartiacque del match è stato il terzo quarto, nel quale Virtus, grazie all’estro di Milos Teodosic (17 punti e ben 12 assist) e alla solidità nel pitturato di Julyan Gamble (miglior realizzatore con 25 punti, 11 dei quali siglati proprio nella terza frazione) ha piazzato un tramortente 34-23 che è valso un vantaggio in doppia cifra poi protetto nonostante i tentativi di rimonta brianzoli, che si sono affidati all’ex Franck Gaines (24 punti) e a Jaime Smith (19 punti) e sono arrivati fino al -6 ad una manciata di minuti dalla fine.

Venezia corsara a Brindisi. Ok Trieste e Treviso

Il colpo di giornata lo ha però firmato l’Umana Reyer Venezia che ha centrato la terza vittoria di fila sbancando Brindisi 77-89. Dopo un primo tempo equilibrato, gli orogranata hanno messo la freccia grazie alle stilettate di Andrea De Nicolao (10 punti nel terzo quarto), Michael Bramos (miglior realizzatore dei lagunari con 20 punti) e del neoarrivato Wes Clark (14 punti con due soli errori al tiro all’esordio in maglia veneziana) che hanno confezionato il break di 18-33 che ha sostanzialmente fatto perdere la bussola alla Happy Casa, alla quale non sono bastate le prestazioni di D’Angelo Harrison (23 punti) e Darius Thompson (17 punti). Tutto abbastanza facile anche per la Allianz Trieste di Andrejs Graziulis (17 punti) e Milton Doyle (16 punti) che ha vinto ha Cremona 80-101 allungando nella terza frazione nella quale ha concesso alla Vanoli soltanto 12 punti e ne ha segnati 29. Infine nel posticipo serale la De’ Longhi Treviso ha superato a domicilio la Dolomiti Energia Trentino 76-82. A spaccare in due la partita un break di 13-2 ispirato dalle triple di Chillo nella frazione finale. Sugli scudi per Treviso anche David Logan (21 punti) e Michal Sokolowski (17 punti).

Leggi anche - Cagliari-Milan, Pioli: "Hernandez e Calhanoglu assenze pesanti"