4 apr 2022

Baby gang Napoli, minore aggredito in Galleria Vittorio: calci e pugni, poi la fuga

L'aggressione è accaduta in pieno giorno, il ragazzino è stato salvato dall'intervento dei passanti. In via Toledo, i carabinieri hanno sventato una rapina ai danni di un turista 

featured image
Un gruppo di ragazzi

Napoli, 4 aprile 2022 – Baby gang aggredisce un minore, il ragazzino è stato picchiato a calci e pugni da alcuni coetanei. È successo ieri all’interno della Galleria Umberto di Napoli. Secondo una prima ricostruzione degli inquirenti, il ragazzo è stato avvicinato da un gruppo di coetanei che gli hanno sferrato diversi colpi.

Il ragazzo è stato soccorso da alcuni passanti, che hanno subito allertato gli agenti della polizia municipale. Ma quando i vigili sono giunti sul posto, gli aggressori si erano già dileguati. Il ragazzo è stato affidato ai sanitari del 118. Rimane da capire se il ragazzino sia stato picchiato durante il tentativo di una rapina, oppure se il gruppo di coetanei si conoscessero già.

Approfondisci:

Sicurezza Napoli, Lamorgese firma l'accordo antiviolenza. "Baby gang, il problema esiste"

Rapina sventata dai militari, turista salvato 

Una rapina ai danni di un turista 26enne – di origine siciliana, ma domiciliato in Inghilterra – è stata sventata la scorsa notte a via Toledo, nel centro di Napoli. In manette è finito un 25enne originario del Marocco. Il tentativo di rapina è avvenuto alle 3 di notte, quando il 26enne, di Agrigento, dopo aver trascorso il weekend a Napoli ha lasciato il b&b per dirigersi all'aeroporto di Incapocchino. Il 25enne lo ha avvicinato con la scusa di una sigaretta e ha mostrato un coltello per rapinarlo.

Approfondisci:

Rapina alle poste, arrestati in flagrante due complici 70enni. Fuggita la vedetta

La scena è stata notata da una gazzella dei carabinieri, che sono intervenuti arrestando il 25enne. Quest'ultimo, privo di documenti, ha detto di essere un cittadino spagnolo, ma dai successivi accertamenti è risultato essere originario del Marocco, già noto alle forze dell'ordine. Il giovane è stato portato in carcere con l'accusa di tentata rapina, mentre il 26enne è riuscito a prendere il volo e a partire per Londra, dove lavora.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?