Carabinieri alle prese con opere d'arte
Carabinieri alle prese con opere d'arte

Napoli, 5 dicembre 2021 – È stata restituita ieri un'importante pala d'altare cinquecentesca raffigurante la ''Madonna delle Grazie tra i Santi Michele Arcangelo e Antonio da Padova'', trafugata più di quarant’anni fa dalla chiesa di Vico Equense. Il nucleo dei carabinieri per la tutela del patrimonio culturale l’ha riportata al sicuro nel Santuario di Santa Maria del Toro, dove ad attenderli c’era il padre superiore Gennaro Perrella.

Roma, il lavoro dei 'caschi blu della cultura' in mostra a Castel Sant'Angelo - Napoli, traffico di opere d’arte: oltre 450mila sequestri nel 2020 - Furti a Pompei, sparito un reperto dalla Domus di Sirico: aperte le indagini

Si tratta di una pala d'altare a olio su tavola, delle dimensioni di 106x110 cm e risalente al 1555, rubata il 28 aprile 1979 dalla Chiesa di Santa Maria del Toro di Vico Equense. L'opera, messa all'incanto da una nota casa d'aste, è stata individuata e recuperata dal Nucleo Tpc di Napoli, le cui attività investigative sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Firenze, nell'ambito di una specifica attività di contrasto alla commercializzazione di opere d' arte rubate.

La consegna dell'opera avvalora l'importanza della collaborazione fra l'Arma dei carabinieri e gli enti ecclesiastici, sviluppata anche attraverso la divulgazione della pubblicazione ''Linee Guida per la Tutela dei Beni Culturali Ecclesiastici'', realizzata nel 2014 nell'ambito della collaborazione tra il Ministero della Cultura, i Carabinieri e la Conferenza Episcopale Italiana, che concilia le esigenze di protezione dei beni ecclesiastici, colpiti spesso da azioni criminose, e quelle devozionali.