Lunedì 27 Maggio 2024

Caldo anomalo e zero termico a 4.300 metri: che cosa ci aspetta

Bernardo Gozzini (Cnr): “Dove sono stati raggiunti i picchi del fenomeno e cosa cambierà tra domani e mercoledì”. Temperature record in Sardegna

Roma, 8 aprile 2024 – Caldo anomalo zero termico oltre 4mila metri, fino a 4.300 (aeroporto di Udine Rivolto). Un record per aprile. “Non ricordo valori simili”, ammette Bernardo Gozzini del Cnr, direttore Lamma, il laboratorio di monitoraggio ambientale del Consiglio nazionale ricerche. Naturalmente si aggrava il pericolo valanghe. La regione più calda resta la Sardegna, con punte anche di 30 gradi. In Sicilia ieri si sono registrati 31 gradi a Caltanissetta e 32 nell’Ennese.

Approfondisci:

Siccità in Sicilia, rischio razionamento per 200mila persone e acqua ridotta in decine di comuni

Siccità in Sicilia, rischio razionamento per 200mila persone e acqua ridotta in decine di comuni
Approfondisci:

Rischio siccità al Nord? Mercalli: “Il materasso di neve e le piogge: ecco cosa possiamo prevedere”

Rischio siccità al Nord? Mercalli: “Il materasso di neve e le piogge: ecco cosa possiamo prevedere”
Zero termino record a 4.300 metri registrato dal Secondo Stormo dell'Aeronautica militare all'aeroporto di Udine Rivolto
Zero termino record a 4.300 metri registrato dal Secondo Stormo dell'Aeronautica militare all'aeroporto di Udine Rivolto

Zero termico oltre 4mila metri

"Il fenomeno – chiarisce Gozzini – ha riguardato tutta la penisola. Con punte nel Friuli Venezia Giulia”. Ma il cambiamento è in arrivo. “La lingua di aria calda che sta transitando sopra la nostra penisola – anticipa l’esperto – dal pomeriggio di oggi si allenta. Così sulle Alpi piemontesi lo zero termico sta calando abbastanza vistosamente perché è in arrivo un abbassamento delle temperature. Che sarà evidente soprattutto mercoledì”.

Il rischio valanghe

L’ufficio meteo Trentino prevede per domani un rischio valanghe 3 sopra i 2.400 metri; sotto quella quota, si parla di livello 2. In particolare preoccupano le valanghe di neve bagnata e di slittamento.

La mappa

Che cosa ci aspetta nelle prossime ore

La previsione è che tra domani e mercoledì “si tornerà allo zero termico sotto i 2mila metri. Questa forte ondata di caldo sta passando. Da domani è previsto un ritorno di aria fredda che riporta le temperature a medie stagionali, con un abbassamento di 7-8 gradi”. Guardando al passato, “ad aprile le intrusioni di aria calda ci sono sempre state, si arrivava allo zero termico a 2.700 metri. Non ricordo i 4.300”.

Previsti temporali e grandine

Per domani e mercoledì con l’abbassamento di temperatura sono previsti anche temporali e grandine.