Venerdì 24 Maggio 2024
RITA BARTOLOMEI
Meteo

Rischio siccità al Nord? Mercalli: “Il materasso di neve e le piogge: ecco cosa possiamo prevedere”

Il presidente della Società meteorologica italiana: la situazione è molto diversa rispetto a due anni fa, quando tra il dicembre 2021 e il 30 aprile 2023 si registrò una gravissima crisi

Roma, 8 aprile 2024 – La certezza: “Fa troppo caldo. Lo zero termico a 4.200-4.300 metri è un valore che dovrebbe registrarsi da giugno in poi. Fortemente anomalo”. Luca Mercalli, presidente della Società meteorologica italiana, parte da qui e osserva: “Questo vuol dire che la neve fonde prima del tempo”.  

Approfondisci:

Choc termico, torna il caldo fino a 30 gradi: tre giorni d’estate. “Meteo da montagne russe, ecco le conseguenze”. La mappa

Choc termico, torna il caldo fino a 30 gradi: tre giorni d’estate. “Meteo da montagne russe, ecco le conseguenze”. La mappa
Approfondisci:

Siccità, la guida per non sprecare l’acqua: quanto si risparmia con la lavatrice a pieno carico

Siccità, la guida per non sprecare l’acqua: quanto si risparmia con la lavatrice a pieno carico
Approfondisci:

Valanghe, una guida per i sindaci. L’esperto: “Perché quelle primaverili sono più pericolose”

Valanghe, una guida per i sindaci. L’esperto: “Perché quelle primaverili sono più pericolose”

Professore, la Sicilia per la siccità ha chiesto le navi cisterna. Com’è la situazione al Nord?

"In questo momento la riserva d’acqua per l’estate c’è, anzi siamo in esubero.  Basta guardare i numeri: ci sono 4 metri di neve sopra i 3mila metri, sulle Alpi.  Un bel materasso che può consentire una buona alimentazione dei fiumi che arrivano nel Po”. 

Naturalmente la previsione è a tempo.

"Chiaro, se a maggio arriva un’ondata di caldo africano che consuma  l’acqua, cambia tutto. Ma questo al momento non lo possiamo sapere. Oggi al Nord, nel bacino del Po, non siamo in una situazione critica”.

Piogge e neve ci hanno dato una ‘scorta’.

"Sì, le piogge cadute hanno rigenerato la falda. A questo si aggiunge la neve. Siamo in una situazione migliore della media. I laghi – di Como, Varese e Garda – sono al loro massimo. Insomma, ci sono tutte le premesse per non avere crisi. Poi, se smette di piovere e fanno 40 gradi, soffriremo di nuovo di siccità”. 

Facendo il confronto con l’ultima crisi drammatica?

"La situazione è completamente diversa rispetto a due anni fa. Quella crisi durò un anno e 5 mesi, dal dicembre 2021 al 30 aprile 2023”.

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn