Giorgio Tirabassi (Ansa)
Giorgio Tirabassi (Ansa)

Roma, 14 dicembre 2019 - "Il meccanismo base della serie era il politicamente corretto del cohousing. Ci siamo ritrovati subito ad essere una classe di quinto anno di liceo, con quel tipo di affiatamento e di goliardia. Quando ho visto i primi montati, ne chiedevo subito altri. Spero che la stessa cosa avvenga per i telespettatori. Rai Play è il futuro". Così il protagonista di Liberi tutti, Giorgio Tirabassi, prima serie originale di RaiPlay scritta e diretta da Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo (noti per aver scritto Boris con Mattia Torre, scomparso quest’anno) che segna il ritorno in video dopo l’infarto che l’ha colpito un mese fa, dell’amatissimo e poliedrico attore Giorgio Tirabassi, nel ruolo del protagonista.

"Sono Michele, un avvocato arido e spregiudicato, ma il mio personaggio subirà un’evoluzione. All’inizio viene sorpreso con 25 milioni nell’auto e arrestato, e per non finire in carcere opterà per i domiciliari dalla sua ex moglie... Peccato che da anni vive in un posto particolare". Composta da dodici episodi della durata di mezz’ora, la serie vede nel cast Anita Caprioli, Thomas Trabacchi, Valeria Bilello, Caterina Guzzanti, Ludovica Martino, Ugo Dighero, Giordano De Plano, Rossana Gentili. Liberi tutti rappresenta l’apertura di un nuovo capitolo. Visto che è una comedy tagliente e ironica, dal formato di 30 minuti, poco sfruttato in Italia e che invece ha una grande diffusione a livello internazionale. Liberi tutti sarà disponibile in esclusiva sulla nuova piattaforma digitale della Rai da oggi. Le puntate saranno pubblicate tutte assieme in un box set.