Gli europei se la cavano meglio degli americani in geografia - Foto: ArisSu/iStock
Gli europei se la cavano meglio degli americani in geografia - Foto: ArisSu/iStock
Sapreste indicare su una cartina bianca, con i confini segnati ma senza nomi, dove si trovano Cina e Brasile? Alziamo un po' la posta: e Nigeria, Siria e Venezuela? Una ricerca condotta da Holiday Cottages (un sito per l'affitto di case vacanza) ha sottoposto queste domande a mille partecipanti, in parte statunitensi e in parte europei, per valutare come ce la caviamo con la geografia da questa e dall'altra sponda dell'Atlantico.

IN GEOGRAFIA MEGLIO GLI EUROPEI
Quando si è trattato di individuare vari stati in giro per il mondo, gli europei hanno fatto meglio in tutti casi, a volte con margini ristretti, a volte più ampi. Nessun problema con i grandi paesi: Cina (88,7% europei, 84,6% americani), India (84,8% europei, 78,1% americani) e Brasile (87,5% europei, 82,2% americani) sono andati via lisci, pur con qualche tentennamento (il 30% degli americani ignora dove sia il Giappone).

Le percentuali scendono parecchio per altri stati, anche quando si trovano al centro di caldissime questioni internazionali: per esempio, solo il 47,2% degli americani sa posizionare la Corea del Nord sulla cartina (non che gli europei facciano molto meglio, con il 55,2%). Bassissima la conoscenza geografica sulla Siria, individuata correttamente dal 28,2% degli americani, contro il 43,7% degli europei. Il paese che ha messo più in crisi i partecipanti è la Nigeria, identificata dal 23,8% degli americani e dal 39,6 degli europei.

AMERICANI IN EUROPA
Di fronte alla richiesta di piazzare sulla mappa i paesi europei, gli statunitensi non hanno avuto problemi con quelli che invadono a frotte quando vanno in vacanza: Francia, Spagna, Portogallo e Regno Unito. Qualche inciampo con la Germania (intorno al 60% di risposte corrette), difficoltà sui paesi scandinavi (Svezia e Danimarca intorno al 50%), confusione totale sulla Croazia (circa il 20% fra le generazioni più giovani, il 9% fra gli over 50).

EUROPEI IN AMERICA
A situazione invertita, gli europei hanno risposto bene sugli stati degli USA più battuti dal turismo: California, Florida e Texas, con percentuali dal 74% a salire. Grossa difficoltà invece a posizionare gli altri stati, con percentuali intorno al 30% per posti come Colorado, Alabama e New York, e un crollo al 16% su Illinois e al 19% su Kentucky da parte degli over 50. In media, la generazione X e i millennial se la sono cavata leggermente meglio.


Leggi anche:
- I posti più belli del mondo, paese per paese (ma sarà vero?)
- Donne che viaggiano da sole: ecco gli itinerari più gettonati
- I 10 paesi dove potete vivere le esperienze più belle del mondo