Monopattini e assicurazione obbligatoria: le ultime notizie sulla riforma Salvini

I tempi di approvazione del ddl. Il comandante dei vigili spiega le tappe dell’iter parlamentare. Battaglia sull’obbligo di casco: Assosharing contraria, ecco perché

Roma, 12 novembre 2023 - Monopattini, assicurazione e targa obbligatorie ma da quando? “L’obiettivo è che il nuovo codice della strada venga approvato entro Natale”, ha dichiarato Matteo Salvini.

Approfondisci:

Monopattini, guida in stato di ebbrezza e patente: cosa dice l’ultima sentenza della Cassazione

Monopattini, guida in stato di ebbrezza e patente: cosa dice l’ultima sentenza della Cassazione
Approfondisci:

Monopattini e assicurazione obbligatoria: le date nel decreto appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Monopattini e assicurazione obbligatoria: le date nel decreto appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Salvini: “Le nuove regole non riguardano le biciclette”

E siccome era all’inaugurazione di Eicma, il ministro delle Infrastrutture ha anche rassicurato: “Non ci sarà nessun onere per le biciclette, non ci saranno targhe, assicurazioni. Questo, invece, l’ho personalmente richiesto per i monopattini”. Il timore che i nuovi e onerosi obblighi fossero estesi anche alle bici era serpeggiato subito dopo l’annuncio della stretta e ancora aleggia, trapela, nelle audizioni di queste settimane.

Approfondisci:

Nuovo Codice della strada, in arrivo la stretta del governo. “A gennaio regole più dure”

Nuovo Codice della strada, in arrivo la stretta del governo. “A gennaio regole più dure”
Approfondisci:

Gomme termiche 2023, dalle multe alla sicurezza: 3 domande all’esperto

Gomme termiche 2023, dalle multe alla sicurezza: 3 domande all’esperto
Approfondisci:

Lampeggiare per segnalare un autovelox: ecco la multa da pagare

Lampeggiare per segnalare un autovelox: ecco la multa da pagare
Monopattini, ultime notizie su assicurazione e targa
Monopattini, ultime notizie su assicurazione e targa

Targa e assicurazione per i monopattini: da quando

Il ddl che riformerà il codice della strada potrebbe però slittare ai primi mesi del 2024. Ne è convinto Luigi Altamura, comandante della polizia locale di Verona, esperto di sicurezza stradale nella squadra di Asaps. “In queste settimane - ragiona - si stanno tenendo le audizioni in Parlamento. I tempi sono contingentati. Quindi ritengo che il disegno di legge sarà completato verso la primavera, non prima di febbraio-marzo. Sarà già un miracolo se il testo verrà approvato alla Camera prima di Natale. Poi dovrà passare l’esame del Senato, infine per l’approvazione finale tornerà sicuramente a palazzo Madama. Ricordo, ad esempio, che l’omicidio stradale ha avuto cinque passaggi parlamentari”.

Approfondisci:

Telelaser TruCam: dalla velocità al telefonino. Come funziona l’occhio elettronico implacabile

Telelaser TruCam: dalla velocità al telefonino. Come funziona l’occhio elettronico implacabile

Anche Assosharing fa la stessa previsione, “ci aspettiamo che le novità siano operative tra quest’anno e l’inizio del 2024”, è il ragionamento di Andrea Giaretta. Dopo una premessa doverosa: “Per i monopattini in sharing l’assicurazione è già obbligatoria da 4 anni”.

Approfondisci:

Nuovo codice della strada 2023, di quanto aumentano le multe per guida in stato di ebbrezza. Le cifre stellari

Nuovo codice della strada 2023, di quanto aumentano le multe per guida in stato di ebbrezza. Le cifre stellari

La posizione di Assosharing e la battaglia sul casco

Ma che ne sarà invece dell’obbligo di casco? Oggi in Italia non esiste una regola comune, tutto è affidato alle ordinanze dei sindaci. “I dati in arrivo da altri Stati che hanno sperimentato e poi rimosso quella regola - chiarisce Giaretta - ci dicono che così si riduce la domanda e quindi l’incasso del 70%. Dunque la misura è insostenibile per le imprese. La sicurezza, come dimostrano i dati, è garantita dall’applicazione delle nuove regole, a partire dai limiti di velocità. Prima di aggiungere nuovi obblighi, cerchiamo di far funzionare quelli che ci sono. Non esiste un sistema per responsabilizzare l’utente a tutti i costi. Se passa con il rosso, se ha il monopattino truccato, chi riesce a fermarlo?”. Magari i controlli. Ma questa è tutta un’altra storia.

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn