Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 lug 2022

Candida Auris, Gianni Vescovo "non è stato infettato in Kenya". In arrivo nuova circolare

Le dichiarazioni dell'ospedale africano. L'82enne era partito dal Veneto 50 anni fa e si era trasferito in Africa. Il primario di Mestre: da noi ricoverato per un mese

20 lug 2022
featured image
Candida Auris, è giallo dopo la morte di un 82enne a Mestre
featured image
Candida Auris, è giallo dopo la morte di un 82enne a Mestre

Venezia, 20 luglio 2022 - Candida Auris, l'82enne morto nell'ospedale di Mestre che era stato infettato da Candida Auris, di ritorno dal Kenya dove lavorava, non è stato affatto aggredito dal fungo nella clinica privata della capitale Nairobi in cui era ricoverato prima di essere trasportato d’urgenza in Italia. Questo almeno è quel che sostiene Mauro Saio, medico del Nairobi Hospital che lo ha seguito durante il ricovero nel nosocomio keniano disposto inizialmente per calcoli ed altre patologie, prima che arrivasse in Italia. Gianni Vescovo, 82 anni, è spirato all’ospedale di Mestre dopo che l’infezione del micidiale fungo si sarebbe aggiunta ad una situazione già molto grave. Le parole del medico in Kenya "Il nostro ospedale - ha dichiarato Saio all'Ansa - è molto rigoroso sulle infezioni che i ricoverati potrebbero contrarre nella nostra unità di terapia intensiva, dove Vescovo è stato ricoverato per circa 3 settimane. Abbiamo un team dedicato del Center of Disease Control che ogni 3 giorni esegue screening in grado di evidenziare, tra le altre cose, la presenza del fungo". "Nel caso di Vescovo, durante la degenza non è stata rilevata nessuna infezione ospedaliera", ha aggiunto Saio. "Inoltre, con le condizioni di salute, il paziente sarebbe morto dopo 4-5 giorni dopo averla contratta, non dopo 25 giorni, che è il tempo che ha passato nell’ospedale italiano da quando è stato trasportato lo scorso 16 giugno", ha concluso il medico. Chi era Gianni Vescovo Gianni Vescovo aveva una grande passione per l'Africa. Era partito ragazzo, scoprendo quel mondo grazie ai missionari della Consolata, come scrive il sito Malindikenya.net, punto di riferimento dei connazionali nel Paese africano. "Un pezzo di storia italiana in Kenya", le parole per raccontare Vescovo. L'82enne veneziano era stato ricoverato in ospedale a Nairobi a fine maggio. Poi il trasferimento in Italia, a Mestre. Le parole del primario ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?