Aurelio De Laurentiis (Ansa)
Aurelio De Laurentiis (Ansa)

Napoli, 25 maggio 2021 - Doveva essere Sergio Conceicao ma non lo sarà: sul nuovo allenatore del Napoli vige ancora il massimo riserbo ma, ad oggi, un nome c'è già. Parola di Aurelio De Laurentiis.

"Mai parlato con Conceicao"

Ai microfoni di Maisfutebol.pt il patron del club partenopeo ha fatto chiarezza su una vicenda che di chiarezza ne ha poca. Innanzitutto è stato smentito qualsiasi contatto con il tecnico del Porto, nonostante fossero tante le voci che parlavano addirittura di un albergo già addobbato a festa per la presentazione. "E' falso: il nuovo allenatore del Napoli è stato trovato e lo annunceremo entro una settimana". Insomma, all'ombra del Vesuvio nei prossimi giorni si consumerà un vero e proprio toto-nomi dal cui elenco bisogna togliere quello di Conceicao: il tutto nonostante la mano di Jorge Mendes. "Si tratta di un grande amico che negli ultimi mesi mi ha proposto vari tecnici ma non Conceicao, col quale tra l'altro non ho mai parlato". Curiosamente, il lunghissimo silenzio stampa che vigeva da tempo in casa Napoli si rompe grazie a De Laurentiis, che alla testata portoghese ci ha tenuto a chiarire quello che a questo punto può essere catalogato come un enorme equivoco. O forse una sorta di depistaggio in attesa che si sveli il nome di chi erediterà la panchina di Gennaro Gattuso, nel frattempo già volato a Firenze.

Ringhio in viola

Anche in questo caso è successo un po' il contrario di quanto si dicesse negli ultimi giorni, quando apparentemente il corteggiamento tra Ringhio e i viola si era risolto in un nulla di fatto: forse anche a causa degli interessamenti di Juventus e soprattutto Lazio. La qualificazione alla vigilia insperata dei bianconeri alla prossima Champions, tra l'altro proprio a discapito del Napoli e l'incertezza persistente nei rapporti tra Claudio Lotito e Simone Inzaghi hanno fatto il resto, riavvicinando definitivamente Gattuso alla Fiorentina, prolungando così l'incertezza all'ombra del Vesuvio. Questo almeno è lo scenario apparentemente, perché in realtà De Laurentiis, a meno di ulteriori bluff, il suo prossimo allenatore ce l'ha già e tutto lascia pensare a un profilo non ancora scovato da tifosi e addetti ai lavori. Italiano? Straniero? Esperto? Emergente? Le domande sono tante e la risposta è una sola e al momento la conosce solo il patron partenopeo, chiamato a non sbagliare la scelta sia per il bene del progetto sia per riconquistare una piazza che, ancora una volta, al momento del divorzio da un allenatore si è schierata dalla parte di quest'ultimo.

Leggi anche - Germania, è Flick il nuovo CT