Stefano Pioli (ANSA)
Stefano Pioli (ANSA)

Milano, 22 ottobre 2021 – Archiviare il ko di Oporto e portare a casa dal Dall’Ara di Bologna tre punti per continuare la corsa ai vertici della Serie A. Questo è l’obbiettivo del Milan che domani sera alle 20.45 (diretta su DAZN e Sky Sport) affronterà in trasferta il Bologna di Mihajlovic: “Siamo consapevoli di aver commesso molti errori e aver perso troppi palloni e di esser stati poco concentrati in fase difensiva. Abbiamo analizzato le cose positive e quelle meno e siamo tornati al lavoro. Adesso il focus è sulle prossime gare di campionato, poi penseremo di nuovo alla Champions”. Testa al Bologna, insomma, avversario da prendere con le molle: “Il Bologna ha battuto la Lazio con una gara di attesa e ottime ripartenze. Siamo pronti a tutto perché conosciamo Mihajlovic. Sarà molto importante muovere bene e velocemente il pallone. I nostri avversari hanno qualità importanti, sono motivati, stanno bene e hanno potuto preparare con calma la gara. Servirà concentrazione e consapevolezza dei nostri mezzi”.
 

Out Kessié e Rebic


Anche in quel del Dall’Ara, però, il tecnico rossonero dovrà fare i conti con una lunghissima lista di assenti, ai quali si aggiungono anche Ante Rebic e Franck Kessié, messo ko da un attacco influenzale: “Kessié ha avuto un forte attacco influenzale e non sarà disponibile così come Rebic che ha provato ma sente ancora forte dolore alla caviglia. Rispetto alla gara contro il Porto recuperiamo Conti e Castillejo”. Lo spagnolo è stato decisivo una settimana fa contro il Verona e potrebbe essere un’arma pericolosa anche contro i rossoblu: “L’ho visto bene, come tutti gli altri. Sta bene e domani potrebbe giocare”. Difficile, invece, vedere da subito il tandem Giroud-Ibra, ma Pioli preferisce non sciogliere i dubbi su chi dei due partirà titolare: “Ibra ha bisogno di giocare perché si allena con la squadra da una settimana. Il suo minutaggio crescerà ma devo ancora scegliere chi tra lui e Giroud partirà titolare”.

Leggi anche - Napoli, Demme: "Spalletti ci sta dando fiducia. Insigne? Pochi in giro come lui"