Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

Torino, 16 ottobre 2021 - Dybala no, Morata forse sì. Contro la Roma, la Juventus potrebbe ritrovare lo spagnolo, mentre dovrà fare a meno certamente dell'argentino, out per altri 10 giorni. "Paulo è molto più indietro rispetto ad Alvaro, che oggi si allenerà con la squadra. Per la sua convocazione - ha spiegato Massimiliano Allegri - dipende da quanti rischi ci saranno. Non vogliamo vanificare il lavoro di tutto la staff medico". Non dovesse partire l'ex Real Madrid dal primo minuto, il suo posto in attacco sarà occupato da uno fra Federico Chiesa e Moise Kean, mentre più defilato appare Kaio Jorge. "Kean sta bene come tutti gli altri. Non ho deciso nulla per adesso, ma senza Morata la scelta cadrebbe su di lui, Chiesa o su Kaio Jorge, che non ha i 90 minuti nelle gambe, ma è forte ed è molto sveglio". 

Ambra, Allegri dribbla la domanda

De Ligt titolare

Spostandosi in difesa, l'indiziato a star dovrebbe essere Giorgio Chiellini, con la coppia Bonucci-de Ligt a proteggere la porta di Szczesny. "De Ligt si è riposato con l'Olanda e dovrebbe giocare. Bonucci sta bene come Chiellini e anche Rugani". Su alcuni degli altri singoli, Allegri ha aggiunto: "Sono molto contento di Bernardeschi perché sta facendo bene, però non può fermarsi. Deve trovare continuità di rendimento, anche perché non è più giovanissimo. Ramsey? Conto molto su di lui. Domani non so se giocherà dall'inizio. Così come McKennie, del quale ho assolutamente fiducia, altrimenti non lo manderei in campo". 

Il fascino di Juve-Roma

Restando in tema di mediani, la Vecchia Signora dovrà fare a meno di Adrien Rabiot, positivo al Covid-19. "Dispiace molto per la sua assenza di domani, perché stava crescendo. In questi giorni non giocherà e così sarà riposato per le prossime partite". La testa però intanto va a quella contro la Roma. "Juventus-Roma è sempre una grande sfida, dove ci sono state anche polemiche in passato. Ci sarà anche Mourinho che ha dato carattere alla squadra. Loro sono davanti a noi di quattro lunghezze e dobbiamo fare punti nelle prossime sette gare per non allontanarci in classifica. Occorre prepararsi bene e riaccendere la spina dopo la sosta". 

Leggi anche: Lazio-Inter, probabili formazioni e dove vederla