Nahitan Nandez
Nahitan Nandez

Milano, 15 novembre 2021 – Si apre uno squarcio ad Appiano Gentile sulla posizione di Matias Vecino. L’uruguaiano ha espresso parole chiare dal ritiro della nazionale sul suo impiego in nerazzurro, con minutaggio scarso anche quest’anno nonostante il cambio di tecnico. A inizio anno c’era stato un confronto tra Vecino e Inzaghi, con la speranza, per il centrocampista, di ritornare centrale nei meccanismi nerazzurri dopo due anni ai margini con Antonio Conte. Non è successo.

Se Vecino via, occhi su Nandez

Queste dichiarazioni, che probabilmente saranno piaciute poco al club, aprono scenari per il mercato di gennaio. Vecino ha espressamente aperto ad un confronto interno se la situazione non cambierà, tradotto può significare la richiesta di una cessione a gennaio. In attesa di capire se arriveranno offerte per Vecino e per l’Inter, la compagine dirigenziale nerazzurra inizia a lavorare ad ipotetiche piste in entrata qualora fossero necessarie. Il nome che può tornare in auge è quello di Nahitan Nandez, il quale aveva già chiesto al Cagliari di essere ceduto in estate e su cui c’è da tempo l’interesse dell’Inter. Nandez è rimasto in Sardegna, ma con la promessa che la proprietà avrebbe valutato offerte interessanti per gennaio. L’Inter già in estate non è riuscita a soddisfare le richieste di Giulini e nella sessione invernale può essere ancora più complicato farlo, a metà stagione è tutto più costoso, ma l’esigenza di Nandez, cioè tentare il grande salto, e quella di Vecino, cercare minutaggio, possono favorire determinate operazioni. Si può ipotizzare, ad esempio, uno scambio di maglie, con Vecino che andrebbe a rinforzare un Cagliari a caccia della salvezza e un Nandez che darebbe una mano a Inzaghi sia come interno di centrocampo ma anche come quinto di destra, ruolo dove Dumfries ancora non ha trovato la continuità auspicata.

La situazione di Dzeko, Bastoni e de Vrij

 

Ma in casa Inter tiene banco anche la vicenda infortuni. Dzeko e Bastoni hanno saltato le gare con la nazionale per noie muscolari, ma destano minor preoccupazione rispetto a de Vrij che si è fermato durante il match dell’Olanda. Lo staff nerazzurro è in stretto contatto con quello orange ma si teme uno stiramento che produrrebbe qualche settimana di stop. Dopo gli esami se ne saprà di più.

Leggi anche - Mondiali 2022, Portogallo sconfitto: va ai playoff