Filip Kostic
Filip Kostic

Milano, 11 giugno 2021 – Tutto sulle fasce. Il 3-5-2 prima di Antonio Conte e ora di Simone Inzaghi è basato molto sull’apporto degli esterni di centrocampo, i famosi quinti, e in casa Inter potrebbero essere le posizioni più soggette a rivoluzione. E’ noto il forte interesse del Psg per Hakimi e, dall’altra parte, quello del Bayern per Perisic, ma ancora contatti con l’Inter non ce ne sono stati: i nerazzurri potrebbero comunque ritrovarsi a dover cambiare entrambe le fasce.

Kostic ed Emerson Royal


Le ultime ore sono abbastanza contraddittorie sul mercato in entrata. Ieri Sky Germania parlava di un accordo già raggiunto con Kostic, esterno dell’Eintracht Francoforte, per l’ingaggio, ma ad oggi non risultano trattative in essere tra l’Inter e il club tedesco. La sostanza è che il giocatore piace ai dirigenti nerazzurri ma per ora non sono state formulate offerte all’Eintracht che lo valuta circa 25 milioni di euro. Kostic sarebbe perfetto per Inzaghi, in Germania gioca esterno di sinistra di centrocampo e nell’ultima stagione ha messo a referto 4 gol e ben 17 assist. Ma ogni operazione in entrata è subordinata a una uscita, nella fattispecie Hakimi. La situazione? La solita, proposta da 60 milioni del Psg, richiesta di 80 dell’Inter. Per la fascia destra invece è spuntato il nome di Emerson Royal, ultima stagione al Betis ma di proprietà del Barcellona che medita di farlo restare con un ruolo importante per il 2022. La differenza è che Emerson è un terzino destro da difesa a quattro e non tanto quinto di un 3-5-2, e soprattutto c’è una valutazione alta del Barcellona dopo una ottima annata al Betis. E se i blaugrana hanno deciso di promuoverlo diventerebbe dura per l’Inter. Ad ogni modo, i primi contatti ci sono stati ieri con gli intermediari a Milano per parlare con al dirigenza nerazzurra. Non sono comunque decadute le altre piste, a sinistra c’è sempre Emerson Palmieri del Chelsea, a destra non sono escluse le piste Florenzi, ultimo anno al Psg, e Lazzari, fedelissimo di Inzaghi a Roma.

Leggi anche - Euro 2021, Mancini: "Onoreremo il paese"