Zlatan Ibrahimovic (Ansa)
Zlatan Ibrahimovic (Ansa)

Milano, 1 marzo 2021 – La vittoria ottenuta a spese della Roma con una prestazione più che convincente ha risvegliato gli entusiasmi in casa Milan ma anche portato in dote, se così si può dire, qualche strascico negativo: su tutti l’infortunio muscolare che ha messo ko Zlatan Ibrahimovic a inizio ripresa. Questa mattina il fuoriclasse svedese, atteso dalla partecipazione al Festival di Sanremo, si è sottoposto agli esami strumentali di rito che hanno evidenziato una lesione del muscolo lungo dell’adduttore sinistro che sarà rivalutata tra almeno dieci giorni. Questo significa che Ibrahimovic salterà certamente le gare contro Hellas Verona e Udinese in campionato ma pure l’andata degli ottavi di Europa League contro il Manchester United, in programma giovedì 11 marzo. In forte dubbio, però, è anche la sua partecipazione al big match di campionato del 14 marzo contro il Napoli.

Intanto però l'infortunio non ha impedito a Ibrahimovic di arrivare in serata al Teatro Ariston di Sanremo. Le prove dei cantanti sono state interrotte dalla presenza eccellente di Zlatan, che sarà al fianco di Amadeus per tutto il festival. Introdotto dal conduttore e direttore artistico, lo svedese ha provato la discesa dalle scale, si è fermato sul punto indicato per la presentazione dei cantanti e ha provato alcune delle gag con Amadeus per una decina di minuti.

Anche Calhanoglu ko

L’infortunio a Ibrahimovic non è stato però l’unico contrattempo incontrato dai rossoneri ieri sera: a gara in corso sono infatti usciti per problemi fisici anche Hakan Calhanoglu e Ante Rebic. Il turco e il croato, così come Ibrahimovic, hanno svolto questa mattina esami di controllo: Calhanoglu, che da poche settimane aveva debellato il Covid, ha riportato un edema muscolare che sarà rivalutato nel corso della settimana e che lo costringerà a saltare quasi certamente la gara di mercoledì contro l’Udinese, mentre per Rebic, autore del gol del 2-1 definitivo contro i giallorossi, si è trattato di una sorta di “falso allarme”. Quel che è certo è che Pioli, uscito confortato dall’Olimpico, dovrà ancora fare di necessità virtù e fronteggiare l’emergenza infortunati soprattutto nel reparto d’attacco.

Leggi anche - Roma-Milan, Pioli: "Vittoria molto importante". Fonseca: "Noi mancati nei primi 20 minuti"