Una fase di Dolomiti Energia Trento-Vanoli Cremona (Ciamillo)
Una fase di Dolomiti Energia Trento-Vanoli Cremona (Ciamillo)

Bologna, 26 ottobre 2020 – Erano ben cinque le gare del quinto turno del campionato di Serie A di basket in programma quest’oggi (rimandata Treviso-Cantù per la positività al Covid-19 di alcuni giocatori della compagine brianzola) dopo gli anticipi giocati vinti da Virtus Segafredo Bologna e UnaHotels Reggio Emilia: in vetta alla classifica in solitaria c’è sempre l’Armani AX Milano che ha centrato il quinto successo in cinque gare piegando 71-82 la Fortitudo Lavoropiù Bologna: i felsinei, trascinati da Pietro Aradori (24 punti di cui 20 siglati nel solo primo tempo) hanno provato a prendere l’inerzia nella prima metà del match con un break di 14-0, ma Milano non ha mai mollato la presa e nel finale, sfruttando una maggior lunghezza del roster (la Fortitudo, già priva di Fantinelli è rimasta anche senza Ethan Happ per un problema al polso), una maggior qualità e le giocate di Gigi Datome (16 punti) e Shavon Shields (17 punti), ha preso il sopravvento.

Successo importante anche per la Carpegna Prosciutto Pesaro che ha sbancato Roma 69-84: dopo l’intervallo i marchigiani, spinti da Justin Robinson (16 punti come quelli segnati da Tyler Cain che ha anche catturato 10 rimbalzi) e Marko Filipovity, hanno allungato arrivando fino al +14 a 10’ dalla fine e poi hanno saputo resistere al ritorno di Roma – rientrata fino al -5 – grazie all’ottima frazione conclusiva di Frantz Messenat (11 dei suoi 17 punti li ha siglati nel quarto di chiusura.

Venezia piega Sassari

Il match di cartello del quinto turno lo ha invece vinto l’Umana Reyer Venezia che, dopo il ko patito in settimana in Eurocup, al Taliercio ha piegato la Dinamo Sassari 99-92: a griffare in maniera indelebile il successo dei lagunari ci ha pensato un inarrestabile Michael Bramos che ha chiuso con un bottino di 28 punti. Dopo tre quarti giocati sul filo del perfetto equilibrio (69-69), gli orogranata hanno messo il turbo grazie a Tonut, Mazzola e Bramos e hanno allungato fino al +13 (92-79). La Dinamo non è però andata al tappeto e ha risposto con un 11-1 per il -3. A chiudere i conti ci hanno quindi pensato Watt e Bramos.

Brindisi e Trento di misura

Grande equilibrio anche nella sfida tra Happy Casa Brindisi e Allianz Trieste, vinta dai salentini che hanno sbancato il capoluogo giuliano 79-76: a decidere la contesa le giocate finali di D’Angelo Harrison (18 punti) e Nick Perkins. Infine la Dolomiti Energia si è aggiudicata il posticipo superando 85-83 la Vanoli Cremona dopo un tempo supplementare: sotto di 17 all’intervallo lungo, i bianconeri si sono affidati a Jacorey Williams (24 punti e 10 rimbalzi), Victor Sanders (16 punti) e Jeremy Morgan per imbastire la loro rimonta culminata con pareggio e sorpasso a pochi minuti dal 40°. Cremona con i liberi di Poeta è però riuscita a portare il match all’overtime dove a fare la differenza iun favore di Trento è stato il layup di Williams a 20” dalla fine. Mian e Williams dall’altra parte hanno infatti sbagliato il conseguente aggancio.

Leggi anche - https://www.quotidiano.net/sport/calcio/serie-a-live-partite-oggi-1.5646900