Marco Belinelli in azione (Ciamillo)
Marco Belinelli in azione (Ciamillo)

Roma, 26 settembre 2021 – Dopo il successo ottenuto nell’anticipo del sabato dall’Armani AX Milano su Napoli, la prima giornata del campionato di Serie A di basket è proseguita con una serie di match molto intensi e al cardiopalma. A cominciare da quello dell’Allianz Dome dove l’Allianz Pallacanestro Trieste padrona di casa ha piegato 84-82 l’Happy Casa Brindisi dopo un supplementare. Dopo quattro quarti giocati sul filo dell’equilibrio, i giuliani – oggi trascinati dai 15 punti di Sagaba Konate e dai 13 a testa di Grazulis e Delia (per lui anche 9 rimbalzi) – hanno allungato a +4 con i canestri proprio di Delia e Grazulis e poi hanno resistito al rientro dei salentini. Grande equilibrio anche al PalaSerradimigni dove la Dinamo Sassari di un granitico Christian Mekowulu (21 punti e 11 rimbalzi) ha superato al fotofinish 75-73 la Carpegna Prosciutto Pesaro: i marchigiani sono rimasti con le unghie e con i denti aggrappati al match (pesantissimi i 22 punti di Sanford e i 16 di Jones) ma alla fine hanno ceduto il passo pagando a caro prezzo il due su due in lunetta di Stefano Gentile a 11” dalla fine. C’è invece il timbro di Alessandro Gentile nel successo della Openjobmetis Varese che si è imposta per 75-72 nel derby giocato contro la Germani Brescia: i biancoblu bresciani sono riusciti a recuperare un pessimo avvio (27-12 nel primo quarto) con un 25-11 nella seconda frazione ma poi, perso Petruccelli per infortunio, nel finale punto a punto sono stati sopraffatti dai canestri di Beane e Gentile.
 

Reggio piega la Fortitudo. Virtus, Treviso e Reyer Venezia sul velluto

Successo al cardiopalma anche per la Unahotels Reggio Emilia che per la terza volta in questo primo scampolo di stagione la Fortitudo Bologna, griffata Kigili e superata 81-80. Nella ripresa – grazie alle ottime prove di Aradori (18 punti con 4/7 da tre) e Ashley (14 punti) sono riusciti a colmare un gap di 11 lunghezze arrivando a toccare persino il +5 a una manciata di minuti dalla fine, ma Reggio – oggi sorretta dai 18 punti di Olisevicius – ha trovato la forza di stare a galla approfittando anche dei sanguinosi errori finali prima in lunetta e poi dall’arco dei tre punti di Gudmundsson. Decisamente più agevole il successo della Nutribullet Treviso di uno scatenato Tomas Dimsa (28 punti con 8/10 da tre) e di Dewayne Russell (16 punti), che ha sconfitto a domicilio la matricola Tortona 92-77: letale il parziale di 30-18 siglato dai trevigiani nella terza frazione. Tutto piuttosto facile anche per l’Umana Reyer Venezia che al Taliercio ha sconfitto 88-71 la Vanoli Cremona: sugli scudi tra i lagunari – scappati già nel secondo quarto con un break di 25-12 – Victor Sanders e Jeff Brooks con 15 punti a testa e Stefano Tonut con 13. Infine, nel posticipo, i campioni d’Italia della Virtus Segafredo Bolognafreschi vincitori della Supercoppa – hanno sbancato Trento 102-88: pur perdendo già nel primo quarto Awudu Abass per infortunio, i felsinei hanno subito messo in chiaro le loro intenzioni chiudendo la frazione d’apertura avanti 30-17. Successivamente non hanno poi tolto il piede dall’acceleratore facendosi trascinare dalle prove maiuscole di Kevin Hervey (21 punti), Marco Belinelli (19 punti) e Kyle Weems (15 punti).

MATTEO AIROLDI