18 gen 2022

Falsi green pass per volare a Dubai. Fermati i parenti del boss di Secondigliano

Il genero e figlia del boss Patrizio Bosti sono stati fermati a Fiumicino mentre cercavano di imbarcarsi su un volo per Dubai. La coppia è indiziata di corruzione, aggravata dal metodo mafioso

featured image
Controlli in aeroporto

Fiumicino (Roma), 18 gennaio 2022 – Falsi green pass all’imbarco di un volo per Dubai, fermati i parenti di un boss dell’Alleanza di Secondigliano. È accaduto all'aeroporto di Fiumicino, dove sono stati fermati Luca Esposito e Maria Bosti, rispettivamente genero e figlia di Patrizio Bosti, capo della organizzazione criminale di Napoli.

Approfondisci:

Green pass falsi, 82 indagati e perquisizioni in tutta Italia. Dati rubati alle farmacie

La coppia è indiziata del delitto di corruzione di incaricati di pubblico servizio, aggravato dal metodo mafioso e dalla finalità di agevolare il sodalizio di appartenenza. Secondo quanto emerso nel corso delle indagini, i due si sarebbero procurati false certificazioni di avvenuta vaccinazione anti Covid dietro al pagamento di denaro in favore di medici compiacenti. Ma non solo. Fasulli anche i test molecolari con esito negativo al Covid-19, utilizzati per potersi imbarcare su un volo diretto a Dubai. Il provvedimento è stato eseguito dalla squadra mobile di Napoli su delega della procura della Repubblica di Napoli.

Approfondisci:

Roma, Green pass falsi venduti in chat: oscurati 17 canali di messaggistica

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?