Milano, 14 maggio 2018 - La primavera fa un passo indietro, già annunciato diversi giorni fa dagli esperti di previsioni meteo. Un passo indietro, a dire il vero, già in atto da qualche giorno, nonostante le temperature rimaste gradevoli in molte città. La settimana appena cominciata sarà influenzata, almeno fino a mercoledì, dalla presenza di un centro di bassa pressione sulla nostra Penisola, alla base di una fase meteo instabile e con diversi spunti piovosi ma non dappertutto. Il meteorologo di 3bmeteo.com, Francesco Nucera, spiega: "Sono gli effetti della perturbazione arrivata domenica sera e accompagnata da venti più freschi che sono alla base di un generale calo termico". La perturbazione che domenica ha raggiunto l'Italia ha dato il via a una nuova fase meteo turbolenta. Numerosi temporali hanno colpito il Nord e marginalmente anche il centro, risultando localmente anche intensi e con grandine, mentre la neve è ritornata sulle Alpi, persino fin verso i 1.000-1.300 metri su quelle più occidentali.

L'immagine satellitare rilanciata dal Centro Epson Meteo

IL RITORNO DELLA NEVE - Il brutto tempo durerà per diversi giorni. La bassa pressione che si è formata rimarrà intrappolata sul Mediterraneo - sottolinea l'esperto -, dunque ci saranno diverse occasioni per piogge e temporali qua e là ma in particolare durante le ore centrali del giorno e nelle zone interne. Le zone più coinvolte saranno Alpi, Nord Est, Sardegna e regioni Centrali fino alla Campania. Farà fresco, addirittura freddo in montagna. Martedì mattina potrà nevicare sulle Alpi centro-orientali fin verso i 1.500 metri, ma sotto i 2.000 metri anche su Appennino settentrionale. Non pioverà sempre ma ci saranno momenti più asciutti e anche soleggiati. Qualche veloce fenomeno potrà inoltre aversi sul resto del Sud mentre andrà meglio altrove.

Le foto dalle montagne

 

L'ALTA PRESSIONE RESTA AI MARGINI - Le temperature, già scese al Nord, caleranno anche al Centro e poi al Sud. I valori andranno sotto la media del periodo seppur di poco. Tra mercoledì e giovedì invece ci sarà un contenuto rialzo un po' ovunque. "L'alta pressione rimarrà ancora defilata e non avrà intenzione per il momento di occupare il Mediterraneo tale da favorire una lunga fase stabile del tempo", sottolinea 3bmeteo. Nella seconda parte della settimana lo spostamento del centro di bassa pressione coinciderà con uno smorzamento dell'instabilità.