Giovedì 25 Luglio 2024
RITA BARTOLOMEI
Meteo

Maltempo senza tregua, perché piove così tanto al Nord? Mercalli: vi spiego cosa ci aspetta

Il climatologo: l’innesco delle temperature più elevate e i valori straordinari delle precipitazioni

Roma, 30 ottobre 2023 – Luca Mercalli, 57 anni, climatologo e divulgatore scientifico: piove e crollano i ponti, due nella solo provincia di Parma. Com’è possibile?

Approfondisci:

Tempesta Ciaran si abbatte sull’Italia, fiumi esondati in Toscana, un morto nel Pratese. Un disperso in Veneto

Tempesta Ciaran si abbatte sull’Italia, fiumi esondati in Toscana, un morto nel Pratese. Un disperso in Veneto

“Purtroppo è normale perché parliamo di una quantità d’acqua straordinaria: 1.100 millimetri caduti sull’Appennino Emiliano dal 18 ottobre, 200 dalla mezzanotte di domenica alle 10 di questa mattina. Per dare un termine di confronto, è caduta più della pioggia di un anno intero a Torino”.

Maltempo: perché piove così tanto al Nord? La spiegazione del climatologo
Maltempo: perché piove così tanto al Nord? La spiegazione del climatologo

"Piogge eccezionali, ecco perché”

Ma come si spiegano questi valori eccezionali? “Le piogge – ricorda  Mercalli – derivano dall’evaporazione dell’acqua dei mari. Dopo una lunga estate veramente fuori dalla norma, con settembre e ottobre che sono stati tra i mesi più caldi mai registrati nella storia, il Mediterraneo fornisce quantità extra di vapore. Da qui le piogge straordinarie sull’Appennino emiliano”. 

I precedenti disastrosi di Parma

"Ieri l’Arpa dell’Emilia Romagna ha fatto un ottimo lavoro – riconosce il climatologo -. C’era un’allerta rossa. Vuol dire che la Protezione Civile è pronta e le persone devono stare estremamente vigili e non mettersi in situazioni difficili, l’esempio classico è quello di chi osserva i fiumi dai ponti.  Una pioggia di questa intensità si era già verificata nel 2019.  Ma il precedente davvero disastroso è quello del 13 ottobre 2014, quando l’alluvione a Parma provocò danni enormi”.

Si possono impedire le emergenze?

Bene rispondere alle emergenze, ma la prevenzione? “Bisogna capirsi – è diretto Mercalli -. L’emergenza ci sarà sempre. Illusorio pensare che si possa impedire. Si possono evitare i morti, questo sì. Perché le vittime dipendono dai comportamenti delle persone. Ma non si può sicuramente impedire che una valanga d’acqua provochi danni”.

Che cosa ci aspetta?

E che cosa ci aspetta al Nord nei prossimi giorni? “Pioverà fino al mattino di domani – anticipa l’esperto -. Il 1 novembre ci sarà una pausa, il 2 novembre tornerà il maltempo per almeno una giornata”.

Clicca qui per iscriverti al canale WhatsApp di Qn