Foto: 20th Centurt Fox/Paramount Pictures
Foto: 20th Centurt Fox/Paramount Pictures
Oggi sembra strano, con gli eventi e le notizie bruciate nell'arco di pochissimo tempo, ma nel 1997 si parlò del film 'Titanic' per mesi e mesi, durante i quali gli spettatori affollarono le sale in ogni ordine di posto. Il film di James Cameron divenne così il migliore incasso di tutti i tempi e trasformò la corsa agli Oscar in una volata in solitaria: alla fine il conto delle statuette vinte arrivò a undici, compresa quelle per il miglior regista. A vent'anni di distanza dal trionfo, 'Titanic' torna su grande schermo: l'appuntamento è fissato per l'8-9-10 di ottobre, così da rivivere la storia d'amore fra Kate Winslet e Leonardo DiCaprio.

TITANIC, IL TRIONFO DI JAMES CAMERON

Canadese classe 1954, James Cameron esordisce come regista e sceneggiatore grazie a 'Pirana paura' (1981), uno sgangherato horror romantico con sommozzatori sexy e famelici pesci mutanti: la reazione di pubblico e critica è inorridita e le stroncature fioccano come non ci fosse un domani.

Nel 1984 Cameron si ripresenta al nastro di partenza e questa volta sforna 'Terminator', seguito da 'Aliens – Scontro finale' (1986), 'The Abyss' (1989), 'Terminator 2 – Il giorno del giudizio' (1991) e 'True Lies' (1994). Un'infilata di successi che lo trasformano in uno dei registi/sceneggiatori più solidi di Hollywood. Ma è grazie al successivo 'Titanic' che si afferma come un fuoriclasse del botteghino e un innovatore delle tecnologie di ripresa.

TITANIC: ABBIAMO RISCHIATO DI NON VEDERLO
Inizialmente, però, nessuno era disposto a scommettere sul trionfo. James Cameron si presentò dai produttori di 20th Century Fox con un progetto ambiziosissimo: tre ore abbondanti di film che necessitava di un budget faraonico e con una trama priva degli elementi che avevano portato al successo i suoi film precedenti (cyborg assassini, inseguimenti a perdifiato, cose così).

LE RIPRESE DEL RELITTO
Per vincere le resistenze dei produttori, Cameron disse loro che aveva la possibilità di immergersi e filmare direttamente il relitto del Titanic, fatto senza precedenti e che poteva essere sfruttato in chiave promozionale. Era solo necessario aggiungere un 30% al costo necessario per girare con modellini e intervenire poi con gli effetti speciali. Della serie "a volte sparare alto conviene", 20th Century Fox accettò di imbarcarsi nell'impresa.

INCASSI: I RECORD
Balzo avanti nel tempo ed ecco che 'Titanic' frantuma il record per la pellicola con il box-office più ricco della storia: sarà necessario un altro film di Cameron, cioè 'Avatar', per battere il primato. Cosa che fa del regista canadese il detentore delle prime due piazze in questa speciale classifica: 'Avatar' svetta a quota 2,78 miliardi, seguito da 'Titanic' a 2,18, da 'Star Wars: il risveglio della Forza' (2,06) e da 'Avengers: Infinity War' (poco più di due miliardi, il quarto e ultimo film a superare questa cifra nella storia).

OSCAR: I RECORD
Agli Oscar del 1998 'Titanic' si presenta con 14 nomination, pareggiando il record di 'Eva contro Eva' (1946) per il numero di candidature, primato più tardi condiviso con 'La La Land' (2016). Terminata la cerimonia ne porta a casa undici, diventando il film con più vittorie di sempre insieme a 'Ben-Hur' (1959), record poi agguantato anche da 'Il Signore degli Anelli: il ritorno del re' (2002).

IL TRAILER DELLA NUOVA USCITA IN SALA


Leggi anche:
- Quello che non uccide, il ritorno di Lisbeth Salander
- Il ritorno di Mary Poppins, il trailer del sequel
- Blade Runner, la serie tv è in lavorazione