Luisa Ranieri al Cartoon Forum di Tolosa
Luisa Ranieri al Cartoon Forum di Tolosa

Tolosa (Francia), 14 settembre 2017 - Esistono le buone battaglie? In alcuni casi sì come quelle che i “Food Wizards” (“I maghi del cibo”) combattono negli organismi delle persone contro le tossine e i nemici della salute. Combattimenti che sono al centro di un progetto di una serie tv in animazione ideato e prodotto dall'attrice Luisa Ranieri con la Zocotoco (la società di produzione che ha fondato con il marito Luca Zingaretti) insieme a Rai Ragazzi e presentato al Cartoon Forum di Tolosa.

Un progetto particolare, scritto da Ranieri con Roberto Gagnor e Sara Farnetti (con la grafica di Francesco Filippini, mentre il trailer è stato realizzato da Mad Entertainment) nato dalla voglia di raccontare a bimbi e genitori come combattere la “battaglia” del cibo sano. In ogni episodio, i tre protagonisti (Ginny, Ham e Pc) hanno il potere magico di entrare nel corpo delle persone per contrastare gli effetti di un’alimentazione scorretta combattendo contro i“cattivi”, rappresentati dale Tossine e dai Mostri del metabolismo. Un po’ “Inside Out” e un po’ “Siamo fatti così”, la serie propone dei viaggi affascinanti nel nostro organismo per conoscere cosa accade a seconda di cosa, di quando e di quanto mangiamo.

Da attrice e produttrice di teatro, cinema e tv al mondo dei cartoni animati. Perché questa scelta?

“Per me è un esordio nell’animazione, un mondo che non conoscevo e che è stata una bella scoperta è una realtà divertente. Questa idea mi è venuta dopo l’incontro con Sara Farnetti, un medico che ha un approccio al cibo che cura il corpo perché siamo fatti di quello che mangiamo. Lei mi disse che sarebbe stato bello fare qualcosa per insegnare ai genitori cosa dare da mangiare ai figli e chiacchierando mi disse che le sarebbe piaciuto fare un cartone animato per mostrare cosa accade dentro al corpo”.

Nella serie si daranno consigli su cosa mangiare e cosa e cosa non mangiare?

“La filosofia della serie è quella per cui nessun cibo fa male di per sé, dipende dalla combinazione con cui viene assunto. In ogni puntata ci sarà un caso diverso, la battaglia dentro l’organismo e la soluzione del caso. Poi, alla fine, daremo la ricetta. Per esempio bisogna non abusare dello zucchero, perché questo porta al fenomeno dell’obesità infantile”.

Qual è suo rapporto con il cibo?

“Molto buono perché sono una buongustaia, mi piace mangiare e mi piace cucinare”

Questa esperienza ha cambiato le sue abitudini alimentari?

“Sì ora sto molto più attenta alle combinazioni dei cibi”

Per esempio?

“Io amo preparare la pizza fredda, un piatto napoletano con mozzarella e ricotta. Ora continuo a farla, ma so che dopo questa non devo fare altro. E ai miei ospiti offro subito dopo una verdure amara perche’ aiuta a digerire il fritto e a metabolizzare i formaggi".