Venerdì 21 Giugno 2024

Dior e diamanti tra pizzi, scollature e abiti folli: cosa resterà di Cannes 2024

Dal capolavoro glamour di Anya Taylor-Joy al colpo di testa della figlia di Andie MacDowell (un cappello gigante Chanel), fino alla rediviva Demi Moore, maestra di stile. I look imperdibili sul red carpet della Croisette

Anya Taylor-Joy sul red carpet di Cannes 2024 in abito Dior e diamanti Tiffany&CO (Epa)

Anya Taylor-Joy sul red carpet di Cannes 2024 in abito Dior e diamanti Tiffany&CO (Epa)

Cannes, 25 maggio  2024 –  Cosa rimarrà di Cannes 77 in fatto di look, vestiti, tendenze, glamour? Due le stelle più brillanti di questa edizione: indimenticabile l'apparizione serale della diva americana Anya Taylor-Joy, 28 anni che, con abito Dior ricoperto di cristalli e collana di platino e diamanti di Tiffany&Co per la prima del suo film "Furiosa", ha incarnato un mix fantastico di grazia anni '50, à la Grace Kelly, e dettagli (gioielli, trucco, pettinatura) che lanciano uno sguardo sul futuro (postapocalittico?).

(L’articolo continua sotto la gallery)

L'ex "Regina degli scacchi" ha incantato il festival più di ogni altra giovane diva, eccezion fatta per Margaret Qualley, la figlia di Andie MacDowell che – anche grazie al colpo di testa del cappello gigante Chanel indossato alla conferenza stampa di "Kinds of Kindness" di Lanthimos  – ha attirato su di sé sguardi ammirati. La sua compagna di set, Emma Stone, fresca di Oscar, è planata sulla Croisette griffata Louis Vuitton: tutta grazia, sorrisi e naturalezza, ha sfoggiato scollature abissali.

(L’articolo continua sotto le gallery)

Il "trend" delle scollature importanti è stato uno dei maggiori di quest'anno, assieme ai pizzi neri e alle trasparenze. Maestre di stile, le divine dello star system a partire dalle sempre perfette Uma Thurman e Cate Blanchett, con in più la sorpresa della "rediviva" Demi Moore: è decisamente lei la seconda regina del Festival. Sul tappeto rosso, poi, anche tanti abiti folli e stravaganti.

L'imperatrice? la presidentessa di giuria Greta Gerwig: dalla regista di Barbie quasi ogni sera una lezione di colorata, disinvolta (e lussuosa) allegria.