La fioritura dei ciliegi in Giappone è uno spettacolo unico al mondo
La fioritura dei ciliegi in Giappone è uno spettacolo unico al mondo
Chi ha già prenotato il volo per andare in Giappone ad ammirare la prossima fioritura dei ciliegi (i sakura) potrebbe incappare in una grossa delusione. Quest'anno infatti avverrà prima del solito e arrivando troppo tardi si rischia di perdere lo spettacolo: meglio insomma rivedere i piani finché si è ancora in tempo.

La Japan Meteorological Corporation, che monitora costantemente l'evoluzione dei boccioli degli alberi, ha pubblicato la prima previsione sulla fioritura per mille località del paese. A causa delle alte temperature dell'autunno e dell'inverno, e di una primavera che si annuncia calda e soleggiata, è attesa in anticipo rispetto alla media. E visto che la piena fioritura dura solo una settimana, basta davvero poco per mancare l'appuntamento.

Prendiamo per esempio Tokyo, principale porta di accesso al Giappone per i visitatori che provengono dall'estero: la previsione indica l'inizio della fioritura il 19 marzo, sette giorni prima della data media nella capitale (26 marzo), e l'apice il 27 marzo.

Ecco le date relative ad altre popolari mete turistiche: a Fukuoka i ciliegi sbocciano il 20 marzo, a Nagoya il 21, a Hiroshima il 22, a Kyoto il 23, a Wakayama il 24, a Osaka il 25. Salendo di latitudine la fioritura arriva più tardi: il 23 aprile ad Aomori, la città principale nel nord dell'isola di Honshu, il 1° di maggio a Sapporo, nell'isola settentrionale di Hokkaido.

Se avete quindi in programma di partecipare all' hanami, l'usanza tradizionale di ammirare i ciliegi ammantati di rosa, è consigliabile tenere d'occhio le previsioni della fioritura sul sito della Japan Meteorological Corporation, che vengono aggiornate periodicamente man mano che si avvicina il momento fatidico.


Leggi anche:
- Viaggi low cost, le mete più economiche del 2020
- The Witcher, viaggio nelle location dove è stata girata la serie tv Netflix
- I 52 posti da vedere nel 2020 secondo il New York Times. Ci sono Sicilia, Molise e Urbino