Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 mar 2022

Ucraina, il cecchino Mikael Skillt torna al fronte. È con il Battaglione Azov a Mariupol

L'infallibile sniper svedese è con la Misanthropic Division, l'unità di neonazisti occidentali aggregati reggimento nazionalista ucraino

17 mar 2022
featured image
Mikael Skillt, cecchino svedese veterano della guerra in Donbass
featured image
Mikael Skillt, cecchino svedese veterano della guerra in Donbass

Roma, 17 marzo 2022 - Il cecchino svedese Mikael Skillt, il peggior incubo dei russi, è tornato al fronte. Veterano della rivoluzione ucraina del 2014, nota anche come rivoluzione di piazza Maidan, del febbraio 2014, aveva combattuto contro i filorussi nel Donbass. 

"L'Italia pronta a ricostruire il teatro di Mariupol". Zelensky ringrazia

Approfondisci:

"Ecco perché l'élite russa non si ribella alla guerra in Ucraina"

Durante gli scontri contro i ribelli di Donetsk la mira infallibile di Skillt era al servizio del Battaglione Azov, formazione di estrema destra, prima paramilitare voluta dal ministro dell'Interno Arsen Avakov, e poi inquadrata nell'esercito ucraino come "Distaccamento autonomo operazioni speciali". 

Ucraina news, "colpita scuola, dentro 400 civili". Mosca: usato nuovo missile ipersonico

Kiev: "A Mariupol stimati ventimila civili morti"

Come "contractors" in Ucraina, definizione che preferisce a quella di mercenario, sosteneva di aver ucciso più di 150 separatisti. Numero che non si poteva verificare, ma il fatto che Mosca avesse messo sulla sua testa una taglia da un milione di dollari, scriveva la stampa ai tempi, rendeva bene la misura della sua pericolosità contro le forze appoggiate da Mosca.

Mamma ucraina in fuga dalla guerra: muore per malore a Roma davanti ai figli

Skillt è tornato alla sua Misanthropic Division, un'unità di neonazisti occidentali aggregati al Battaglione Azov. Lì era rimasto anche dopo la guerra, come istruttore fino al 2017. 

Tornato in Svezia al suo lavoro di consulente di sicurezza svedese ed ex project manager nel settore edile, oggi si sa che è ancora in prima linea a 54 anni con il Battaglione Azov a Mariupol, per fermare l'avanzata dei russi.

Primi spiragli di tregua. Kiev apre: neutrali, ma protetti dagli Usa

"L'Ucraina può essere neutrale. Ma non deve smilitarizzarsi"

Guerra in Ucraina, la verità nel segreto di Fatima

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?