Sabato 20 Aprile 2024

Cuba, continui black out e scarseggiano i beni primari. La gente in piazza al grido: “Elettricità e cibo”

Ieri proteste a Santiago de Cuba e Bayamo. Sabato sono rimaste senza luce diverse città, compresa L’Avana

Continui black out, i cubani scendono in piazza

Continui black out, i cubani scendono in piazza

L'Avana, 18 marzo 2024 - Una grave crisi energetica sta mettendo in ginocchio Cuba, la popolazione è al limite da mesi, provata continui black out e dal scarseggiare di medicine e generi alimentari. Ieri sera sono scesi in piazza a protestare i cittadini di Santiago de Cuba, la seconda città più grande dopo L'Avana. Proteste si sono registrate anche a Bayamo.

Anche sui social la protesta ha trovato terreno fertile con la pubblicazione delle massicce mobilitazioni di piazza, testimonianze però interrotte più volte i continui down delle connessioni a Internet denuciati dagli utenti. Tra queste testimonianze ci sono i video postati dal giornalista Yosmany Mayeta: le immagini mostrano centinaia di persone radunarsi in strada a Santiago al grido "elettricità e cibo".

Sabato i blackout si sono verificati in diverse città del Paese, compresa la capitale. Il problema energetico di Cuba si è aggravato dall'inizio di marzo quando le autorità hanno dato il via a lavori di manutenzione della centrale termoelettrica Antonio Güiteras, la più importante del Paese. Da allora si sono avute diverse di interruzioni di energia, che sommate alla carenza cronica di carburante sull'isola, hanno fatto esplodere la protesta.