Venerdì 19 Luglio 2024

Attal sfida Bardella: lo scontro elettorale in Francia nelle mani dei millennial. Cosa dicono i sondaggi

Il 28enne presidente di Rassemblement National è dato per favorito, ma il premier sta risalendo la china delle preferenze. E il confronto si gioca anche sui social network

Roma, 22 giugno 2024 – A una settimana dal voto, le elezioni francesi si configurano sempre più come una sfida tra volti giovani della politica. A destra, Jordan Bardella, classe 1995, candidato premier del Rassemblement National. Al centro, Gabriel Attal, classe 1989, attuale primo ministro francese, volto della coalizione macroniana Ensemble. Le elezioni politiche, anticipate da Macron, che ha sciolto la Camera a seguito dei risultati delle Europee, sono attese per la giornata del 30 giugno, a cui seguirà il ballottaggio il 7 luglio

Jordan Bardella (28 anni) e Gabriel Attal (35 anni) (Ansa)
Jordan Bardella (28 anni) e Gabriel Attal (35 anni) (Ansa)

Chi è Jordan Bardella

Jordan Bardella, classe 1995, di origini italiane, è presidente di Rassemblement National dal novembre 2022. Ha studiato Geografia all'Università Paris-Sorbonne, ma ha abbandonato gli studi per dedicarsi all’attività politica. Alle elezioni europee del 2019, all'età di 23 anni, ha guidato la lista Rn, arrivata prima allo scrutinio, e ha conquistato un seggio al Parlamento europeo.

Approfondisci:

Jordan Bardella candidato premier alle elezioni in Francia: chi è il presidente del Rassemblement National

Jordan Bardella candidato premier alle elezioni in Francia: chi è il presidente del Rassemblement National

Dal 13 settembre 2021, con l'annuncio di Marine Le Pen della candidatura per le presidenziali 2022, Bardella è diventato presidente del Rassemblement National. Il giovane politico ha preso il posto della precedente leader alla guida di Rn, dando corpo all'intento della leader di liberare il partito dall'impronta razzista e antisemita lasciata da suo padre Jean Marie.

Il programma di Bardella 

Nel programma elettorale del Rassemblement National il tema principale sembra essere quello dell’aumento del potere d’acquisto. Più in sordina i temi relativi alla politica estera, che era stata cavallo di battaglia per la campagna delle europee. Altri punti importanti sono la riduzione dell’immigrazione e l’espulsione degli irregolari, l’abbassamento del costo delle bollette, la battaglia al “lassismo giudiziario”. Il programma rimane vago su temi importanti per la Francia come l’agricoltura e la sanità. 

Chi è Gabriel Attal

Gabriel Attal, classe 1989, è laureato in Scienze politiche e Giurisprudenza. La sua attività politica inizia nel 2006, con l’iscrizione al Partito Socialista. Nel 2016 Attal ha lasciato il Partito Socialista per unirsi al partito centrista En Marche, guidato da Emmanuel Macron e l'anno successivo si è candidato come deputato all'Assemblea nazionale, venendo eletto e iniziando la sua carriera da parlamentare. Nel 2018, a 29 anni, è stato nominato Segretario di Stato al Ministero dell'educazione nazionale ed è così diventato il membro più giovane del governo francese nella storia della Quinta Repubblica.

In seguito a un rimpasto di governo deciso dal Presidente Macron, il 20 luglio 2023 Attal è stato nominato Ministro dell'Educazione nazionale e della gioventù. Il 9 gennaio 2024, in seguito alle dimissioni di Borne, Attal è stato nominato come nuovo Primo ministro francese dal Presidente Emmanuel Macron. A 34 anni, è diventato così il capo di governo più giovane nella storia della Quinta Repubblica, nonché il primo dichiaratamente omosessuale.

Il programma di Attal

Come nel programma di Rn, anche in quello di Reinassance si parla di aumento del potere di acquisto e riduzione delle bollette. Sul tema del lavoro, Attal intende incoraggiare le aziende a pagare più bonus ai propri dipendenti, aumentando il tetto del “bonus Macron”. Altri temi cardine sono la sicurezza e l’aumento delle sanzioni e delle pene “per i giovani delinquenti”, la transizione ecologica, l’europeismo e il sostegno all’Ucraina.

I sondaggi

Secondo gli ultimi sondaggi, il Rassemblement National di Bardella e Le Pen si mantiene saldamente in testa, con il 35% delle preferenze e in crescita. Ensemble (la coaliazione di centro di cui fa parte Reinassance) sta recuperando preferenze e ha guadagnato 4 punti percentuali rispetto alla scorsa settimana, ma rimane al 22%, dietro alla colazione di sinistra Nouvelle Front Populaire, stabile al 29%

Rn sembrerebbe avere grande presa sulle giovani generazioni: 25% degli elettori di età compresa tra i 18 e i 24 anni ha votato per il partito nelle elezioni europee e il 22% intende sostenere il partito "della flamme" alle imminenti elezioni legislative.

Un confronto anche social

La sfida fra i due candidati millennial si sta consumando anche sui social network, dove sia Bardella che Attal pubblicano costantemente foto e video. Al momento la sfida in questo campo è vinta da Jordan Bardella, che può vantare 750 mila follower su Instagram e ben 1.7 milioni di fan su TikTok. Meno popolare Gabriel Attal, che raccoglie 338 mila follower su Instagram e quasi 310 mila su TikTok

Nessuno dei due si limita a condividere messaggi politici e riprese ingessate e di alta qualià: abbondano i backstage e video e foto personali, ma anche format che riprendono i trend dei social network. Bardella pubblica diversi video “pov” (point of view), una tipologia utilizzata molto dai giovanissimi su TikTok: di un grande successo (3,2 milioni di visualizzazioni) la clip in cui il politico di Rn beve birra, corredata dalla descrizione “POV: bevi le lacrime dei macronisti”. Più tiepidi i contenuti postati da Attal, che però mantiene uno stretto contatto con i fan tramite le storie Instagram, dove risponde direttamente alle loro domande. 

Sul social cinese si è poi diffuso un insolito trend: sono molto popolari montaggi ironici che sottintendono un’intesa o una relazione sentimentale tra i due leader, riprendendo il confronto tv tra i due candidati tenutosi il 24 maggio.