Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 apr 2022

Guerra in Ucraina, da Schroeder a Merkel: gli intrecci di Gazprom

Perquisite le sedi tedesche. Sotto accusa il ruolo dell’ex cancelliere Spd Dubbi anche sulle scelte d i Frau Angela e l’intesa coi russi per il Nord Stream 2

1 apr 2022
cesare de carlo
Economia

Washington, 1 aprile 2022 - C’è voluto un mese di missili sull’Ucraina, di stragi di civili, di combattimenti nelle strade per scuotere il governo della Germania Federale. Ieri in alcune sue città ci sono state "ispezioni a sorpresa nelle sedi di alcune società attive nel campo della fornitura, trasporto e stoccaggio di gas naturale". Quando si allargheranno alla solita Svizzera? Ovviamente il riferimento va a Gazprom, il gigante russo che rifornisce mezza Europa. Primo cliente, appunto, la Germania nella misura del 60 per cento del suo fabbisogno. Segue l’Italia con circa il 40 per cento. Più o meno la percentuale del resto dell’Europa. Francia esclusa, che saggiamente si affidò all’energia nucleare. Gas russo pagato in rubli: cosa rischiano Putin, l'Italia e l'Europa Germania, ispezione a sorpresa nella sede Gazprom. L'Ue indaga sui prezzi del gas Altrettanto ovvio è il riferimento a Gerhard Schroeder, l’ex cancelliere socialista. Di Gazprom è stato per circa vent’anni membro del Consiglio di amministrazione e ne è diventato direttore proprio all’inizio di febbraio quando già era prevedibile l’imminente invasione. Seconda carica: dal 2017 è presidente di Rosneft, altro gigante russo dell’energia.Mai nessuno straniero è stato tanto potente nella Russia postcomunista e nemmeno in quella comunista ai tempi dell’Unione Sovietica. Non un caso. La sua amicizia con Vladimir Putin è di vecchia data. Ed è per questo motivo – dicono gli americani – oltre che per la sua appartenenza allo stesso partito dell’attuale cancelliere Olaf Scholz, che si è arrivati alle perquisizioni. Le prime, dopo la denuncia dello stesso Schroeder davanti alla Procura Federale di Karlsruhe per "crimini contro l’umanità". I giudici potranno archiviare o aprire l’inchiesta: sino a che punto l’ex cancelliere va considerato corresponsabile? Ma al di là delle perquisizioni, che non sarebbero mai avvenute senza le pressioni dell’amministrazione americane e della Ue – non ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?